Articoli

Il Metodo 3EMME compie 10 anni

Il Metodo 3EMME compie 10 anni

Il 2019 è un anno speciale per noi del Metodo 3EMME: siamo giunti al nostro decimo anno!

Correva l’anno 2009 quando iniziammo a studiare come il cibo, scelto e combinato nel modo giusto, potesse curare, riequilibrare, rafforzare e depurare l’organismo. Dal dopoguerra in avanti l’industria alimentare portabandiera del nostro riscatto sociale, ha fatto passi da giganti. Di conseguenza, la grande disponibilità di cibo che ha prodotto ne ha fatto dimenticare l’importanza, trasformandolo in un bene quasi scontato da avere, quasi banale.

Il nostro impegno partì dallo scoprire lo straordinario effetto benefico che il cibo poteva offrire, in linea con una serie di ricerche scientifiche che ha rivalutato l’intera scienza alimentare negli ultimi 30 anni.

Il Metodo 3EMME, nato come sistema di detossificazione che aiuta il cuore e previene la sindrome metabolica, mira ad una educazione alimentare per risolvere il fastidioso problema di ‘’mangiare senza nutrirci’’.

Il nostro decimo anno ci permette di guardare con una lente di ingrandimento il percorso svolto fin qui: più di 100.000 persone in tutta Italia hanno conosciuto il percorso, l’89% è riuscita a portarlo a termine, e di queste il 96% si è detto soddisfatto.

L’11% non ha terminato il percorso del Metodo 3EMME, fermandosi in media tra la 7° e la 9° settimana (su un totale di 10 settimane), di questi il 59% chiede di poterlo ricominciare.

Senza il dato preciso, ma tantissime sono le persone che chiedono di poterlo rifare anche se hanno completato il percorso.

Stima reciproca che si crea tra le persone nei nostri centri

Quest’ultimo desiderio espresso da tantissimi di voi, insieme alla stima reciproca che si crea tra le persone ed i nostri collaboratori è quello che più ci riempie di orgoglio. Perché dopo tutto, il Metodo 3EMME è un percorso che facciamo insieme, affrontando paure e momenti di sconforto, esultando sempre insieme al superamento di un ostacolo o al raggiungimento di un obiettivo.

Le voci, i volti e le testimonianze raccolte in questi dieci anni di ci dimostrano che siamo sulla strada giusta, ci dimostrano fiducia e ci stimolano a lavorare su grandi novità del Metodo 3EMME che possano migliorarci ulteriormente.

Trova più informazioni su www.metodo3EMME.it o contattaci all’800 622 847.

Il cesto natalizio 3EMME

Il cesto natalizio 3EMME

Il cesto natalizio occupano i primi posti dei regali più graditi. Ricordano i regali di una volta, la cura, l’autenticità e il romanticismo. Il cesto natalizio è un tocco vintage a cui non rinunciare perché niente come un cesto carico di prelibatezze ci sa riportare ai tempi in cui ogni regalo era unico, inimitabile e irripetibile.

Quale migliore occasione per preparare un regalo sano, che porti con sé un messaggio importante di cambiamento e consapevolezza, allora allestiamo insieme un cesto natalizio 3EMME

Cosa metto nel mio cesto natalizio?

  1. La cosa che davvero non può mancare in un cesto natalizio è una bottiglia di spumante: per accompagnare l’aperitivo, il pasto o il dolce, è un regalo classico ma sempre molto apprezzato, che va in tandem con il panettone. Uno spumante di origine biologica o uno spumante analcolico a base di succo di mela sono l’ideale!
  2. La frutta deve fare da padrona. Sia per le tonalità dei suoi colori, sia per l’importantissimo ruolo che svolge nell’alimentazione, frutta di stagione come melagrana, ciliegie, uva e agrumi. Insieme anche a qualche sfiziosità come frutta secca, barrette di sesamo, biscotti artigianali integrali (senza zucchero).
  3. Un altro must per il cestino natalizio è una confezione di pasta senza glutine di origine biologica, grano saraceno, amaranto, quinoa o mais.
  4. Se invece si opta per il riso, una confezione particolare, come un barattolo di vetro o un sacchetto di tela decorato, rendono il regalo davvero speciale. In questo caso, potresti abbinarlo a dei funghi porcini secchi.
  5. Ingredienti che potranno essere impiegati nelle preparazioni future come farina di castagne, di mais, di miglio, di ceci, di mandorle, accompagnati da olio d’oliva o ai semi di lino.
  6. E’ possibile aggiungere un grande classico delle feste: le lenticchie, che saranno sicuramente apprezzate, specialmente se chi riceve il cesto natalizio ha già programmato un cenone in casa per la serata di capodanno.
  7. Una confettura, un vasetto di marmellata o di miele sono dei piccoli pensierini che possono fare la differenza.
  8. Importante per concludere le piccole concessioni a tavola durante le feste, un kit tisane o infusi depurativi e drenanti.  Sempre rigorosamente di origine biologica.

Infine, inserisci sempre qualcosa che, una volta mangiato tutto il contenuto del cesto natalizio, possa rimanere alla persona cara come ricordo del regalo: per esempio un pensierino fatto a mano come un sottopentola, una pattina ricamata, un segnaposto o una candela: renderanno il tuo regalo indimenticabile!

Cosa cambia tra il Metodo 3EMME e una normale dieta?

La dieta è finita, andate in pace

Cosa cambia tra Metodo e dieta?

‘’Mi metto a dieta’’ non c’è frase più utilizzata alla fine di una grande abbuffata o dopo le feste. Ma è importante ricordare sempre che la dieta deve essere fatta se esiste un bisogno e deve essere su misura perché non siamo tutti uguali.

Inoltre è fatto comune pensare che la dieta sia un periodo nel quale si entra, si resta e poi si esce.

Il Metodo 3EMME ha caratteristiche ben diverse: nato come sistema di detossificazione che aiuta il cuore e previene la sindrome metabolica, non prevede una struttura su misura per ogni persona: l’iter di detossificazione studiato e proposto nel Metodo 3EMME infatti è uno e vale per chiunque!

Non necessita di un problema specifico per essere applicato, chiunque può desiderare una detossificazione dell’organismo e non è un periodo ma bensì un nuovo stile di vita, una educazione alimentare alla vera cucina mediterranea che durerà per tutta la vita.  

Il Metodo 3EMME migliora questi indici con una conseguenza che ci si aspettava ma molto importante: il raggiungimento di un peso ideale!

Il raggiungimento del peso ideale: sana conseguenza!

I pericoli della sindrome metabolica sono ormai noti. La glicemia borderline, trigliceridi alti, ipertensione, circonferenza addominale sono fattori da tenere d’occhio e che determinano la presenza o l’assenza della sindrome.

Il Metodo 3EMME migliora questi indici con una conseguenza che ci si aspettava ma molto importante: il raggiungimento di un peso ideale!

L’inizio di un stile di vita sano e preventivo studiato nel Metodo 3EMME permette di raggiungere un equilibrio omeostatico dell’organismo, che prevede un adeguamento del peso definitivo, evitando il fastidioso effetto yo-yo delle diete classiche.

Nello stesso momento la detossificazione permette di migliorare tutti i parametri associati alla sindrome metabolica e libera l’organismo dalle abitudini scorrette accumulate nel corso della vita.

 

Abitudini Alimentari e Attività per tutta la Famiglia

Vivere Sano: Buone Abitudini per Tutta la Famiglia

Abitudini Alimentari e Attività per tutta la Famiglia

Noi di Metodo 3EMME ve l’abbiamo detto più e più volte: il vostro benessere passa da uno stile di vita sano e – quindi – dall’abbandono di tutte le abitudini dannose per l’organismo.

“Certo,” penserete voi “Facile a dirsi, un po’ meno a farsi”. Effettivamente, non è così facile cambiare le proprie abitudini, specie se radicate da diversi anni.

Una soluzione è quella di coinvolgere la propria famiglia: lo stile di vita 3EMME – non ci stancheremo mai di dirlo – è adatto a tutti: adulti, bambini e anziani. Quindi perché non proporlo anche ai propri cari? In questo modo potrete condividere con loro i risultati di questo straordinario cambiamento.

Vediamo come coinvolgere tutta la famiglia a tavola, e non.

 

L’importanza delle abitudini alimentari corrette

La salute di un individuo parte sempre da ciò che mangia. Per questo i nostri primi consigli riguardano l’educazione alimentare. Eccoli:

  • Fare SEMPRE la prima colazione, perché assicura il pieno di energia necessario ad affrontare la giornata.
  • Anche la merenda pomeridiana non dovrebbe mancare mai, soprattutto per quanto riguarda i bambini.
  • Equilibrare i pasti durante la giornata, evitando sovraccarichi di cibo a pranzo o a cena.
  • Consumare il maggior numero possibile di pasti insieme, in famiglia, per rinforzare il senso di unità.
  • Aumentare il consumo di frutta e verdura. In particolare: verdura durante i pasti principali, frutta come spuntino, per un totale di 5 volte al giorno.
  • Bere sempre acqua durante i pasti, in grande quantità.
  • Dite no al cibo spazzatura, come caramelle, merendine, bibite gasate. Può essere difficile farlo capire ai bambini. Quindi cominciate con una riduzione graduale (ad esempio, consentendoli una volta a settimana) per poi arrivare ad eliminarli.
  • Evitare l’uso di succhi di frutta. Molto meglio il frutto al naturale oppure una spremuta o un frullato fatti in casa.
  • Utilizzare piatti di piccole dimensioni, per far sembrare più grandi le porzioni.
  • Tenere la TV spenta durante i pasti: distrae i bambini (ma anche gli adulti) e li porta a mangiare anche se non hanno più fame.

È importante ricordare che, in famiglia, sono sempre i grandi a dare l’esempio. Quindi deve essere tutto il nucleo familiare (genitori in primis) ad assumere queste sane abitudini, e non solo i bambini.

 

Attività per tutta la famiglia

Dedicare un po’ del nostro tempo all’esercizio fisico è fondamentale. Farlo insieme alla propria famiglia è un bel modo per trovare compagnia e, allo stesso tempo, far muovere anche i propri cari, schiodandoli dal divano.

I nostri semplici consigli sono:

  • Decidere tutti assieme. Far sì che la decisione su che attività svolgere sia condivisa da tutta la famiglia renderà tutti più contenti: per cui sedetevi attorno a un tavolo e chiedete ai vostri bambini cosa vogliono fare, incoraggiandoli a pensare ad attività divertenti. È molto importante che siano assecondate le diverse passioni di ogni membro della famiglia. Quindi l’attività da svolgere non deve essere sempre la stessa.
  • Stare all’aperto. Con l’arrivo del caldo, trascorrere un po’ di tempo all’aria aperta è l’ideale: andare a passeggio (magari col cane), giocare con la palla o col frisbee e un giretto in bici sono tutte alternative valide.
  • Organizzare giochi. Un modo valido per coinvolgere i bambini è stimolare la loro competitività: calcio, pallavolo, ma anche giochi più semplici come nascondino o caccia al tesoro faranno muovere tutta la famiglia.
  • Rendere divertenti i lavori domestici. Sebbene non piacciano a nessuno, le faccende di casa possono tornare utili in questo caso: ad esempio, se dobbiamo pulire la cucina, basterà assegnare ad ogni membro un compito specifico (come riordinare gli oggetti, spolverare le mensole, spazzare il pavimento e così via), mettere un po’ di musica e poi cominciare a muoversi tutti assieme, lavorando ma anche divertendosi.

Allora, siete pronti a coinvolgere la vostra famiglia? Il divertimento è assicurato.

Per altri consigli di benessere, continuate a seguirci!

Evento Simposio di Metodo 3 Emme: le Ragioni per Condividere i Risultati Raggiunti

Simposio di Metodo 3 Emme: condividere i risultati è importante

A pochi giorni dal Simposio di Metodo 3 Emme – l’evento che vuole festeggiare i primi 5 anni di attività – vi sveliamo i motivi per i quali abbiamo deciso di condividere i risultati raggiunti. Quando trovi una soluzione concreta per il benessere e la salute degli individui, serve a nulla tenere per sé i successi. Sì, perché questi sono imprescindibili dall’impegno e si accompagnano – quasi sempre – a ostacoli e contrattempi da superare.

Evento Simposio di Metodo 3 Emme: le Ragioni per Condividere i Risultati Raggiunti

Era il 2010 quando capimmo che le nostre fatiche nel cercare di sviluppare un programma capace – allo stesso tempo – di stimolare la perdita di peso, mantenendo la massa magra inalterata e riequilibrando i livelli dell’organismo avevano generato i frutti sperati. Eravamo sulla buona strada per offrire alle persone un’alternativa: un Metodo per tornare in forma e in salute.

Oggi, a 5 anni di distanza dalla nascita di Metodo 3 Emme, abbiamo deciso di festeggiare insieme a tutte le persone che – ogni giorno – ci aiutano a trasformare quello che ormai è un sogno lontano in realtà. Il Simposio sarà l’occasione per incontrare i nostri collaboratori (agenti, erboristi e consulenti), aggiornarli sui risultati conseguiti e ascoltare le loro esperienze.

 

Simposio di Metodo 3 Emme: una giornata per il benessere comune

Noi la chiamiamo la Rete del Benessere: è un gruppo di persone di cui fanno parte gli otre 300 centri autorizzati 3 Emme sparsi in tutta Italia, gli agenti e i collaboratori del progetto. Ed è proprio all’insegna del fare rete che si svolgerà l’Evento Ufficiale del 29 marzo a Riccione.

Gli inviti sono stati accolti con entusiasmo, ma tutti ci hanno ripetuto una stessa domanda a cui vogliamo dare risposta qui:

“Perché condividere i risultati di Metodo 3 Emme e renderli pubblici?”.

Noi abbiamo almeno 3 ragioni valide per farlo e vogliamo raccontarle anche a voi.

Simposio di Metodo 3 Emme: gli obiettivi dell’evento

3 motivi per condividere i risultati di Metodo 3 Emme in occasione del Simposio di Rimini

#1 – Informare

Il modo migliore per far conoscere Metodo 3 Emme. È quello che facciamo quotidianamente grazie ai nostri collaboratori sul territorio e in rete, attraverso la pagina Facebook e il blog. Così non raccontiamo solo in cosa consiste il percorso di 3 Emme, ma aiutiamo le persone a imparare uno stile di vita sano.

Dimagrimento, benessere e salute: sono i 3 pilastri su cui poggia la nostra attività e che hanno bisogno di essere raccontati al maggior numero di persone possibili. Ecco perché lo faremo, ancora una volta, in occasione del Simposio di Metodo 3 Emme (il 29 marzo a Riccione).

#2 – Sensibilizzare

Informare non basta. Quello che serve, per coinvolgere il pubblico attorno alle tematiche che ci stanno a cuore, è una vera e propria opera di sensibilizzazione. Dire che l’alimentazione è fondamentale per il nostro benessere psico-fisico serve a poco, se chi ci ascolta non è sulla nostra stessa lunghezza d’onda.

Il Simposio di Metodo 3 Emme, quindi, sarà l’occasione per condividere con i nostri collaboratori e con gli utenti sul web i risultati del percorso con l’obiettivo di avvicinarli ancora di più alla nostra mission.

#3 – Confrontarsi

L’abbiamo ripetuto tante volte: il nostro successo è dovuto anche alla Rete del Benessere. È grazie ai nostri collaboratori – agli erboristi e agli agenti, tra gli altri – che Metodo 3 Emme ha potuto raggiungere un pubblico così vasto. È grazie a loro che tante persone non solo hanno perso peso, ma si sono rimesse in salute.

Ed è proprio confrontandoci con loro, ascoltandone le esperienze e le testimonianze, che possiamo crescere ancora di più rispondendo in modo efficace alle esigenze delle persone.

 

Metodo 3 Emme: persone, oltre ai risultati

Insomma, se scegliamo di condividere i traguardi raggiunti è perché Metodo 3 Emme è – prima di tutto – una rete di persone accomunate dall’attenzione verso benessere, alimentazione e salute. Una community che trova nello stile di vita ideato dal Dott. Mariani la risposta alle sue domande: una soluzione reale, un’alternativa efficace.

Noi vogliamo andare avanti, sviluppando sempre più le potenzialità del metodo. Per farlo, abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti: dei collaboratori che ci terranno compagnia al Simposio di Metodo 3 Emme, ma anche del vostro.

 

Raccontateci le vostre storie!
È con le vostre testimonianze che potremo migliorare. Scriveteci un’email o contattateci su Facebook. Siamo curiosi di sapere come avete vissuto le 6 settimane del percorso.

Metodo 3 Emme e la Prevenzione delle Patologie Metaboliche: i nostri esperti rispondono

prevenzione_patologie_metaboliche

Numerose malattie possono migliorare attraverso l’adozione di modelli comportamentali e stili di vita positivi. Oggi parliamo delle patologie metaboliche, come riconoscerle e prevenirle.

 

Sintomi delle patologie metaboliche

La sindrome metabolica viene diagnosticata quando una persona presenta almeno tre di questi fattori di rischio:

  • Un largo girovita. Questa condizione è anche definita come obesità addominale:  l’eccesso di grasso nella zona addominale è un fattore di rischio per le malattie cardiache maggiore rispetto al grasso in eccesso in altre parti del corpo.
  • Un livello superiore quello normale di trigliceridi nel sangue (un tipo di grasso presente nel sangue).
  • Un livello più basso del normale di colesterolo nel sangue.
  • Pressione alta.
  • Livelli di glicemia a digiuno più alti del normale. Un livello di glicemia lievemente elevato può essere un segno di allarme precoce del diabete.

 

Cura e prevenzione

È possibile prevenire o ritardare queste patologie, soprattutto con cambiamenti dello stile di vita: uno stile di vita sano è un impegno permanente, controllare con successo la sindrome metabolica richiede quindi uno sforzo a lungo termine ed un lavoro di squadra con il proprio medico curante.

Vediamo insieme quali cambiamenti sono fondamentali per ridurre il rischio con imbattersi in una patologia metabolica.

  • Perdere peso. Perdere anche solo dal 5 per cento al 10 per cento del peso corporeo può ridurre i livelli di insulina e la pressione sanguigna.
  • Mangiare sano. Scegliere un regime alimentare più sano, come la dieta mediterranea che limita i grassi non salutari.
  • Smettere di fumare. Fumare sigarette aumenta la resistenza all’insulina e peggiora le conseguenze sulla salute della sindrome metabolica. Parlate con il vostro medico se avete bisogno di aiuto per eliminare questa brutta abitudine.
  • Programmare regolari visite di controllo, controllare la pressione sanguigna, il colesterolo e i livelli della glicemia a intervalli regolari. Effettuare ulteriori modifiche dello stile di vita, se i numeri stanno andando nella direzione sbagliata.

Un discorso a parte merita l’attività fisica: il ruolo protettivo dell’esercizio fisico regolare è stato dimostrato.

Quali benefici apporta un esercizio fisico costante?

  • Contribuisce alla perdita di peso, sia da sola sia in associazione alla dieta.
  • È efficace nel migliorare tutte le funzioni cardiorespiratorie anche indipendentemente dalla perdita di peso;
  • Riduce il grasso corporeo, e quello addominale.

L’attività fisica dovrebbe essere parte integrante della terapia rivolta alla perdita di peso e al mantenimento del peso. I medici raccomandano di svolgere dai 30 ai 60 minuti di esercizio fisico di intensità moderata, come camminare di buon passo, ogni giorno. Per fare esercizio fisico non occorre essere giovani: per ognuno di noi esiste un livello di attività fisica che può essere svolto senza correre rischi. In generale la raccomandazione di fare attività fisica di intensità moderata regolarmente vale per tutti.

 

Qualche suggerimento in più: l’importanza dell’alimentazione

Anche modificare la qualità dei cibi determina una salute migliore.

Ecco una serie di consigli per migliorare l’alimentazione.

  • Mangiare adeguate quantità di frutta e verdura.
  • Introdurre carboidrati non raffinati (in particolare pane, riso e cereali integrali).
  • Mangiare due-tre volte alla settimana pesce.
  • Inserire regolarmente i legumi nella dieta settimanale (magari come piatto unico).
  • Limitare i grassi saturi (burro, strutto, formaggi grassi, carni grasse, grassi di cocco o di palma).
  • Eliminare alcuni grassi idrogenati (margarine e/o grassi vegetali sia come tali che contenuti negli alimenti).
  • Privilegiare l’olio d’oliva extravergine, o comunque dosandone l’uso e preferendo il suo consumo a crudo.
  • Limitare il vino a non più di un bicchiere al giorno (se donna) o a due (se uomo).
  • Limitare lo zucchero e gli alimenti che lo contengono (dolci e bibite).

 

Mangiare meglio, con gusto, proteggendo la salute. Abbiamo visto come la correzione di abitudini sbagliate può prevenire, migliorare o curare tante patologie.

Impariamo a vivere in modo sano!

 

Metodo 3 Emme in pillole

Metodo3M_pillole

Riordina il tuo disordine. Con noi è semplice raggiungere un corretto stile di vita, in più saprai sempre cosa e come mangiare per mantenerlo nel tempo, in modo semplice e veloce.

Oggi vediamo alcune indicazioni pratiche che il Metodo 3 Emme ci consiglia di apprendere per ritrovare e mantenere una buona forma psico-fisica.

 

Salute e benessere iniziano a tavola

Una dieta sana e corretta, rappresenta la premessa per uno stile di vita equilibrato e attivo. È essenziale sottolineare che il benessere non è fatto di rinunce, ma si basa su piccoli accorgimenti da seguire quotidianamente. Vediamone qualcuno.

  1. Fare pasti completi variando spesso gli alimenti presenti a tavola: in questo modo si eviterà di pasticciare tra i pasti.
  2. Fare sempre un’abbondante prima colazione perché, dopo una notte di sonno, il nostro organismo ha bisogno di energia per affrontare la giornata.
  3. A pranzo mangiare di tutto e tenere sempre d’occhio la quantità. Sulla tavola non dovranno mai mancare frutta e verdura. In più, è fondamentale mangiare lentamente, senza stress o distrazioni.
  4. Fare una cena equilibrata e leggera. Di notte il corpo riposa ed esige solo l’energia necessaria a mantenere in funzione gli organi. Questo significa che gli eccessi alimentari serali rischiano di essere immagazzinati sotto forma di grasso. Inoltre sarebbe bene evitare piatti pesanti e molto conditi per facilitare la digestione.
  5. Concedersi spuntini per i buchi allo stomaco di metà mattina o del pomeriggio con yogurt o frutta. In più, bere tanta acqua durante la giornata per idratarsi nel modo corretto.
  6. Praticare esercizio fisico regolarmente. Un esercito fisico costante, anche se moderato, è in grado di migliorare la risposta immunitaria e porta benefici sia al corpo che alla mente.

 

Metodo 3 Emme come stile di vita

Vi presentiamo un elenco di suggerimenti che gli esperti del Metodo hanno studiato per una corretta alimentazione.

  • Bere almeno 1.5 lt di acqua oligominerale al giorno.
  • Dalla settima settimana, se gradite i formaggi, preferire quelli di capra (una volta a settimana). Quelli stagionati come parmigiano e pecorino possono essere utilizzati come condimento del primo piatto. Possibile mangiare la ricotta di siero. Lo yogurt è ammesso allo spuntino due volte alla settimana, deve essere bianco e senza nessun ingrediente aggiunto.
  • Evitare il più possibile latticini freschi di latte vaccino.
  • Assumere frutta a colazione e almeno 1-2 spuntini tra colazione e pranzo e tra pranzo e cena. Evitare di assumere frutta ai pasti, se non piccoli pezzi nell’insalata cruda a inizio pasto.
  • Preferire il prosciutto crudo magro senza additivi aggiunti. Evitare gli insaccati o preferibilmente mangiare (1 sola volta a settimana e nel periodo invernale) solo quelli fatti con Maiale Sale e Pepe. Quelli industriali contengono sostanze potenzialmente cancerogene.
  • Evitare le carni rosse perché grasse e innescano processi di acidosi.
  • Scegliere le uova codice 0.
  • Preferire pesci magri e di piccola taglia, evitare crostacei e/o pesci grossi e grassi.
  • Integrare con frutta secca e varia, noci, pistacchi e nocciole, in piccole quantità, suddivise in uno o più spuntini al giorno.
  • Preferire il fruttosio o il miele al posto dello zucchero bianco.
  • Abolire i dolcificanti chimici.
  • Preferire il sale marino integrale a quello dell’Himalya.
  • Preferire aceto di mele.
  • Preferire l’olio di oliva etra vergine spremuto a freddo e biologico.
  • Abolire bevande gassate.
  • Abolire gli alcolici (consigliato solo un po’ di vino di buona qualità, ma solo ¼ a pasto).
  • Sì alle spezie (peperoncino, curry, pepe, ecc).
  • Abolire tutti gli aromatizzanti chimici.
  • Via libera ad aglio, cipolla, rosmarino, prezzemolo, salvia, alloro, timo, coriandolo, finocchio, cumino, zenzero, ecc.

 

Non mangiamo solo per “riempirci la bocca”: quantità e qualità prima di tutto

Il cibo, se scelto e combinato nel modo giusto, ci sostiene, ci riequilibra, ci depura. Cominciamo dunque a scegliere quegli alimenti che, oltre ad avere un adeguato contenuto nutrizionale, sono riconosciuti come benefici per l’organismo e portano a un miglioramento dello stato di salute. Al contrario, eliminiamo quei cibi il cui contenuto calorico è molto alto e che spesso vengono inutilmente arricchiti di grassi, zuccheri e sale.

Un’alimentazione a base di alimenti possibilmente biologici, equilibrata, sufficientemente varia, assicura al nostro organismo ciò di cui ha bisogno. Bisogna mettersi a tavola con il piacere di farlo perché questo è l’atto di perseveranza e coerenza verso il nostro obiettivo da raggiungere.

 

Per qualsiasi dubbio non esitate a contattarci, i nostri esperti nutrizionisti sono a vostra disposizione!

Metodo 3 Emme: una rassegna stampa dal web

Metodo3M_RassegnaStampaDalWeb

Non ci stufiamo mai di ribadire che il Metodo 3 Emme non è una dieta, ma un modo per migliorare il nostro stile di vita. Scopriamo insieme quali sono i vantaggiosi benefici che possiamo ottenere se iniziamo a migliorare scelte e abitudini alimentari.

 

Stile di vita ottimale e benessere psico-fisico

Con il Metodo 3 Emme ci proponiamo di ottenere un’azione di profonda disintossicazione, in modo da permettere all’intero organismo di riordinare e ripristinare tutti i suoi meccanismi energetici sottoposti ai vari stress della vita quotidiana. Riusciremo così a realizzare una vera prevenzione della “sindrome metabolica” e dei danni del sovrappeso.

Il percorso serve a creare le basi per raggiungere uno stile di vita ideale, basato sul ritorno della dieta Mediterranea che porterà a una diminuzione del peso corporeo nelle persone in sovrappeso e obese, oltre che il raggiungimento di un equilibrio psico-fisico anche nelle persone normopeso.

Il metodo è la naturale evoluzione di un percorso con molti anni di applicazione medica, opportunamente semplificato, ma non per questo meno efficace.

Il Metodo 3 Emme è proposto con la massima tranquillità e sicurezza.

Il risultato sarà: benessere, tono psico-fisico e peso ideale.

 

Ritroviamo il peso forma in modo salutare e diciamo basta alle diete sbilanciate

Il cibo cura, riequilibra, sostiene, rafforza e depura, se scelto e combinato nel modo giusto.

Il metodo 3 Emme mira a ripristinare l’organismo e a minimizzare le funzioni metaboliche per riprodurre una corretta funzione gastro-intestinale. In questo modo dovremmo perdere il grasso e non la parte magra del nostro corpo, cioè la componente muscolare.

Nelle diete disintossicanti, liquide o a base di frutta, se protratte nel tempo per una settimana o più, oltre ai primi tre processi di disintossicazione, depurazione e drenaggio, si assiste a un’importante perdita di peso. Il rischio di queste diete ipocaloriche e sbilanciate, a causa della mancanza di un adeguato apporto proteico, è di un calo sia della massa grassa, ma anche di quella magra. L’obiettivo del Metodo 3 Emme è invece quello di diminuire solo la quantità di grasso presente nel corpo.

Il dimagrimento è la premessa-promessa mantenuta del Metodo 3 Emme: Mantenimento Massa Magra. Perdere il grasso in eccesso, consolidando e tonificando la massa muscolare.

Per facilitare ed equilibrare al meglio questo processo, dove necessario, il Metodo 3 Emme prevede l’utilizzo di integratori alimentari di aminoacidi altamente assimilabili, che consentono di mantenere nell’immediato la massa magra esistente e per favorirne l’aumento nel tempo. L’organismo aumenta in modo armonico tutte le sostanze ad esso indispensabili durante un programma disintossicante.

 

Un aiuto in più: gli integratori alimentari del Metodo 3 Emme

Nuova Superfoof è il super alimento che sazia e aiuta a dimagrire col sorriso e tonifica la mente. È un integratore alimentare innovativo a base di estratti vegetali, contenente polvere di Alga Klamath, estratto di Baobab, estratto concentrato di Patata tuber. Se assunto alle dosi stabilite a partire dalla prima settimana, in base al sesso e alla massa corporea del soggetto, ci consente di mantenere la componente muscolare, apportando le proteine d cui necessita l’organismo per un corretto funzionamento.

Vediamo ora un elenco di tutti gli integratori alimentari naturali che il Metodo 3 Emme propone per un’alimentazione bilanciata.

  • Super basic: può agire favorevolmente per il mantenimento del fisiologico equilibrio acido.
  • Effetto drena: può agire favorevolmente sulle funzioni fisiologiche degli organi destinati al drenaggio.
  • Oxyvita: contribuisce alle funzioni del metabolismo energetico per favorire la riduzione di stanchezza e affaticamento.
  • Sos emotional: estratto ottenutoda diverse tipologie di fiori selezionati come strumento di sostegno emozionale per raggiungere con più serenità lo stile di vita ideale.
  • Blixir bevanda: serve ad agire favorevolmentesulle funzioni fisiologichedel fegato.
  • Lipid Complex: serve a mantenere l’elasticità dei vasi sanguigni.
  • L-glutatione: agisce favorevolmente come ossidante.
  • Shitake+reishi: agisce sulle naturali difese dell’organismo.

In abbinamento si consiglia:

  • Sinterol fiale: può contribuire al controllo del mantenimento del peso.
  • Immunergie: può agire favorevolmentesul livellodelle difese immunitarie.
  • Integral-B: può essere d’aiuto negli stati di carenza o di aumentato fabbisogno.
  • Tresor de vie: può agire favorevolmente come complesso anti-age.

 

“Riordina il tuo disordine. Con noi è semplice trovare un equilibrio psico-fisico che duri nel tempo, in modo semplice e veloce.”

Questo è il traguardo che il Metodo 3 Emme mira a farvi raggiungere.

Gravidanza e Metodo 3 Emme: i nostri esperti rispondono

gravidanza

L’alimentazione corretta rappresenta uno dei presupposti fondamentali per la normale evoluzione della gravidanza e il normale accrescimento del feto: quantità e qualità del cibo e delle bevande vanno controllate scrupolosamente.

 

Alimentazione corretta in primo piano

La donna gravida dovrebbe alimentarsi in modo adeguato alle proprie esigenze e a quelle del figlio. Partiamo subito dicendo che l’alimentazione in gravidanza non deve discostarsi molto da quella che dovrebbe essere seguita normalmente in qualsiasi momento della vita. Va tenuto presente che lo sviluppo del bambino è influenzato dalla nutrizione della futura madre ancor prima del concepimento. La differenza è che durante la gravidanza l’apporto calorico deve essere maggiore e che alcuni nutrienti particolari devono essere sempre presenti. Questo non significa che la donna deve mangiare per due, anzi, il peso corporeo va sempre controllato perché non superi certi parametri stabiliti. Infatti, l’eccessivo aumento di peso eccessivo comporta un affaticamento per la madre e può predisporre al diabete e all’aumento di pressione. Allo stesso modo, è assolutamente scorretto anteporre preoccupazioni di carattere puramente estetico alla propria salute e quella del bambino. È vero, la gravidanza comporta delle intense modificazioni per il corpo della donna. Molte delle quali, comunque, reversibili. Saperle accettare e gestire in modo naturale significherà anche poterle poi riassorbire in modo altrettanto rapido, efficace e fisiologico.

Ricordiamo che la dieta “ideale” in assoluto non esiste, perché deve essere calibrata sullo stato di salute generale della futura mamma, sulla sua conformazione fisica e sullo stile di vita che conduce. Ci sono però dei punti fermi validi per tutte che riguardano gli alimenti da preferire, gli abbinamenti più corretti e quelli invece da evitare.

 

Consigli da seguire durante la gravidanza

Come mangiare?

Il modo corretto di alimentarsi in gravidanza è soggettivo e dipende dalla condizione specifica di ciascuna donna. A seconda dei casi i regimi alimentari sono quindi molto diversi fra loro, ma devono essere sempre efficaci nel garantire un corretto stato di salute del bambino e della mamma. Fatta questa premessa, ci sono alcune considerazioni generali e informative sulla corretta alimentazione in gravidanza.

Innanzitutto, sarebbe bene fare piccoli e frequenti pasti e cercare di evitare lunghi periodi di digiuno durante il giorno e la notte. È consigliabile mangiare lentamente per evitare così l’indigestione di aria che può dare senso di gonfiore addominale e distribuire i cibi più calorici al mattino o al pranzo, evitandoli possibilmente nei giorni nei quali la vostra attività è ridotta.

Cosa è bene mangiare?

Ecco una lista dei cibi con i nutrienti più indicati per seguire una corretta alimentazione nel periodo della gravidanza:

  • Zuccheri complessi: pane, pasta, riso, cereali, legumi. Il loro assorbimento è più lento, ricchi di fibre e proteine. Da evitare invece gli zuccheri semplici (zucchero, dolci).
  • Proteine: sono preziosissime per l’accrescimento fetale. Contenute in carne (meglio bianca), pesce (magro e di piccola taglia), uova, soia e legumi.
  • Grassi: preferire l’olio extravergine d’oliva; limitare il consumo di burro e margarine; eliminare il grasso visibile negli alimenti.
  • Vitamine e minerali: tutta la frutta, meglio se fresca e di stagione, ricca di vitamina C; consumare quotidianamente la verdura; il latte parzialmente scremato e formaggi magri.
  • Sale da cucina: in modica quantità. È bene ricordare che una delle principali fonti di sale alimentare è il pane.

 

Cosa è meglio evitare o limitare

Vediamo quali sono gli alimenti che rischiano di essere dannosi per madre e feto.

  • Alcolici e superalcolici (dannosi per madre e feto).
  • Bevande nervine: caffè, molta cautela contè e cioccolata.
  • Salumi ed insaccati in genere, carne cruda, molluschi e selvaggina.
  • Cibi a temperatura troppo alta o troppo bassa.
  • Dolcificanti di sintesi.
  • Cibi piccanti, cibi in salamoia o affumicati.
  • Non fumare.
  • Non assumere farmaci senza consultare il medico.

 

Inoltre, ecco un piccolo suggerimento anti nausea:

Al mattino mangiate cibi secchi e croccanti come fette biscottate e pane tostato ed evitate cibi ricchi di acqua o liquidi. Questo piccolo accorgimento vi permetterà di superare la crisi mattutina e di poter assumere cibi tradizionali nel resto della giornata.

 

Un buon regime alimentare durante la gravidanza è molto importante per preservare la salute del nascituro ma anche quella della madre.

Gli esperti nutrizionisti del Metodo 3 Emme sono sempre a vostra disposizione per qualsiasi chiarimento, non esitate a contattarci!

Metodo 3 Emme: quali risultati aspettarsi? I nostri esperti rispondono

metodo_3m

La premessa-promessa mantenuta dal metodo 3EMME è il Mantenimento della Massa Magra. Ciò significa perdere il grasso in eccesso, consolidare e tonificare la massa muscolare.

Vediamo insieme come avviene questo importante processo.

 

Ritroviamo il peso forma e manteniamoci in salute

Il metodo 3 Emme nasce dall’idea di sbloccare a livello metabolico l’organismo, riproponendo nuove abitudini salutari con l’obiettivo di Mantenere la Massa Magra.

Graziealla consulenza di esperti nutrizionisti e a strumenti guida studiati, si cerca di accompagnare le persone verso il raggiungimento di un nuovo stile di vita. Questo diventa possibile attraverso l’applicazione di un piano alimentare associato all’utilizzo quotidiano di integratori nutrizionali specificatamente formulati per garantire una reale diminuzione dei chili in eccesso e un perfetto stato di salute, lontano dai rischi che le varie diete “fai da te” possono causare.

Gli integratori svolgono diverse funzioni, da quella drenante a base di vari composti naturali come l’uva bianca, tarassaco, pompelmo, ciliegia, sambuco, betulla, equiseto, carciofo e tantissime altre piante che aiutano a favorire la diuresi.

Per questo motivo  con il metodo della 3M riuscirete a produrre una riduzione dei liquidi in eccesso e dei gas intestinali mantenendo il peso perfetto. Inoltre questo percorso nutrizionale prevede anche l’utilizzo di integratori anti età a base di mirtillo, carotene, licopene, luteina e zeaxantina.

 

Come si sviluppa il metodo 3 Emme?

Il Metodo 3 Emme è un percorso di sole sei settimane che vi permetterà di controllare il peso forma e migliorare il benessere del vostro stile di vita.

Vediamo insieme quali sono le fasi in cui si articola il metodo 3M.

  • Prima fase-reset (1 settimana): consiste in un vero e proprio reset per liberare l’organismo da uno stato di “intossicazione”. La disintossicazione consiste in una dieta con frutta, verdura e liquidi. È possibile in quanto le esigenze dell’organismo sono supportate con integratori che garantiscono il giusto apporto di sostanze e principi nutritivi. I carboidrati, indispensabili anch’essi, sono apportati dalla frutta, come zuccheri semplici.
  • Seconda fase-restart (2 settimane):  nella seconda fase si inizia un vero e proprio “svezzamento”. La durata è di quattordici giorni in cui vengono reinserite le Proteine animali: carni bianche e pesci magri e di piccola stazza, e vegetali: legumi con cereali privi di glutine.
  • Terza fase-remix (3 settimane): si prosegue con lo svezzamento e si insegnano le giuste combinazioni reintroducendo i carboidrati con glutine di farina integrale, alternandoli con quelli privi. A questi alimenti, definiti funzionali, aggiungeremo uova e prosciutto che andranno assunti singolarmente.
  • Quarta fase-regular (dalla 7° settimana): la quarta fase sarà stilata in base alle necessità del singolo individuo, il quale sarà indirizzato a proseguire tutte le indicazioni ricevute per le prime tre fasi. In questo modo si assicura un apporto costante di tutte le sostanze indispensabili attraverso alimenti tradizionali ed integratori e quindi, dopo lo sblocco, si andrà a seguire un percorso basato sulle conoscenze acquisite nelle prime tre fasi.

 

Ulteriori consigli per uno stile di vita sano

Oltre al piano alimentare proposto nelle 4 fasi, esistono una serie di accorgimenti utili da seguire. 

  • Bere almeno 1,5 litri d’acqua al giorno, evitando il consumo di alcolici, bevande zuccherate e gassate.
  • Masticare bene e lentamente durante i pasti.
  • Evitare sempre latticini freschi, insaccati e carni rosse.
  • Assumere frutta e verdura almeno 5 volte al giorno.
  • Consumare solo uova a codice 0 (zero).
  • Mangiare pesci magri, evitando crostacei e pesci grassi e di grandi dimensioni.
  • Consumare frutta secca di vario tipo (come noci, nocciole e pistacchi).
  • Non utilizzare dolcificanti chimici né zucchero bianco, ma preferire fruttosio o miele in piccole dosi.
  • Usare sale marino integrale o dell’Himalaya.
  • Preferire l’impiego di aceto di mele.
  • Pensare positivo.
  • Fare almeno un’ora di attività fisica la giorno (anche dolce e moderata).

il Metodo 3Emme non è una semplice dieta, ma un vero e proprio stile di vita che mira a insegnare un corretto bilanciamento tra le sostanze nutritive immesse nell’organismo, l’attività fisica e l’approccio mentale positivo.

 

Veniteci a trovare anche sulla nostra pagina Facebook. Gli esperti nutrizionisti  del metodo 3 Emme sono a vostra disposizione per qualunque chiarimento!