Combatti la Stanchezza Primaverile

Stanchezza Primaverile? Ecco alcuni Suggerimenti

Combatti la Stanchezza Primaverile

Perché con l’arrivo della primavera ci sentiamo più stanchi e sonnolenti? Come dare una smossa al nostro orologio biologico? Ecco i nostri consigli per combattere la stanchezza primaverile.

 

Perché in primavera ci sentiamo indeboliti

Le giornate si allungano, la temperatura diventa più mite, l’umore migliora, ma spesso il fisico è molto più stanco. “Colpa” della primavera, che spesso porta con sé un senso di spossatezza generale, accompagnata da un senso di irritabilità e insonnia. Tutti i segnali di quella che gli esperti definiscono “stanchezza primaverile”.

Ecco i sintomi principali che possono manifestarsi.

–          Sonnolenza diurna

–          Affaticamento continuo

–          Mancanza di energia

–          Svogliatezza

–          Difficoltà di concentrazione

–          Perdita dell’appetito

Tale condizione colpisce in media due persone su dieci. Per molte persone questa “strana stanchezza” può durare pochi giorni o per un paio di settimane, per altre invece può protrarsi per parecchio tempo e sembrare non diminuire neppure con il riposo. Paradossalmente, più si dorme, più ci si sente privi di energia.

 

Tanto sonno nella stagione del risveglio

In primavera la natura si riattiva. Allo stesso modo il nostro organismo si risveglia e si verifica un aumento delle funzionalità. Ciò comporta un aumento del consumo di energia che causa questa sensazione di stanchezza.

L’inverno è un periodo di letargo e la scossa di riattivazione dell’organismo non è “indolore”. Se aggiungiamo una dieta abbondante e ricca di grassi, associata alla minore attività sportiva effettuata durante l’inverno, si spiegano le difficoltà che l’organismo ha nel rimettere in moto un corpo carico di tossine.

 

Come superare la stanchezza primaverile

Per far fronte a questo fastidioso malessere, le prima cose a cui dobbiamo prestare attenzione sono due: dieta sana e movimento.Queste, dovrebbero essere abitudini da adottare sempre, ma mai come in questo periodo possono aiutarci a superare il senso di stanchezza. L’attività fisica brucia grassi, elimina le tossine tramite la sudorazione e aumenta la produzione di endorfine capaci di combattere anche lo stress mentale.

Ecco qualche consiglio alimentare che possiamo adottare (e non solo per la primavera!).

  • Bere molta acqua. L’acqua è il veicolo in cui avvengono tutte le reazioni biochimiche: permette l’eliminazione delle tossine e la vita stessa. Ricordiamo sempre che l’acqua non è sostituibile da nessun altro alimento, men che meno da bevande industriali zuccherate!
  • Consumare frutta e verdura freschi. Contengono il cemento della vita: sali minerali, vitamine, antiossidanti e un‘incredibile energia vitale. Inoltre, sono in grado di contrastare l’acidosi.
  • La colazione è il pasto più importante: serve energia, acqua, sali minerali, vitamine, zuccheri e acidi grassi insaturi.
  • Assumere cereali integrali, legumi e mandorle ricchi di vitamine e magnesio. Limitare l’utilizzo di zuccheri raffinati e abolire lo zucchero bianco. Si ricorda che un eccesso di carboidrati (in particolar modo quelli raffinati privi delle vitamine del gruppo B e del magnesio) altera le funzionalità dell’assorbimento intestinale.
  • Utilizzare una grande varietà di spezie: Origano, timo, peperoncino, curcuma. Gli oli essenziali in essi contenuti racchiudono i terpeni, sostanze che bloccano la sintesi del colesterolo e che, quindi, migliorano la circolazione e dei tessuti, donando una sensazione di vitalità.
  • Evitare le sostanze stimolanti che, in realtà, producono l’effetto contrario (caffè, fumo, cibi grassi e fritti).
  • Evitare alcolici: anche l’apporto di bevande alcoliche andrebbe limitato. Un loro uso eccessivo disperde le vitamine e appesantisce il lavoro del fegato.

 

Inoltre:

  • Evitare il sonnellino pomeridiano. Rende sonnolenti nel pomeriggio e posticipa il sonno serale. Evitare anche di dormire troppo: troppo sonno non aiuta a recuperare e rende spesso stanchi e svogliati.
  • Concedersi brevi pause nell’arco della giornata per “staccare” con la mente e con il corpo.

 

In conclusione

Possiamo dire che la stanchezza è sempre un segnale d’allarme che ci manda il nostro organismo: ci avvisa che siamo in una fase di stress fisico o emotivo. Un‘analisi del proprio stile di vita e delle proprie abitudini alimentari è ciò che occorre per ritrovare l’energia e il giusto equilibrio.

 

Per ulteriori informazioni o consigli, siamo sempre a vostra disposizione. Veniteci a trovare anche sulla nostra Pagina Facebook!