La spesa di gennaio

La spesa di gennaio

Parliamo della spesa di gennaio! Se c’è una cosa sulla quale tutti gli studi sulla nutrizione in tutto il mondo sono coerenti, è nel dire che, a parità di altri fattori, la stagionalità di frutta e verdura gioca un ruolo di tipo ‘’protettivo’’ nei confronti delle malattie cronico degenerative.

Tradotto significa che tra due persone entrambe fumatrici o entrambe obese, o  comunque a parità di altri fattori, la persona che consuma cibi seguendo la stagionalità gode di maggior protezione verso ipercolesterolemia, diabete, obesità, e infiammazioni in genere.

La stagionalità di frutta e verdura protegge!

Per questo, le nostre scelte al supermercato devono tenere in considerazione il periodo dell’anno in modo particolare.  La spesa di gennaio sarà carica di agrumi, che ci vengono in aiuto con la vitamina C. Ma la lista della frutta e verdura di stagione è molto lunga. Scopriamola.

Gennaio è il mese degli agrumi!

Gli agrumi ci vengono in aiuto con la vitamina C e i bioflavonoidi per rafforzare il sistema immunitario e proteggerci dai malanni stagionali.

  • Il mandarino ha notevoli proprietà terapeutiche poiché è ricco di vitamina C, fibre, carotene, ferro, magnesio e acido folico.
  • La pera ricca di fibre, zuccheri semplici e potassio che la rendono perfetta per una dieta iposodica. È un frutto facilmente digeribile. La pera contiene inoltre vitamina C, sali minerali, tannino, acido malico e citrico.  
  • Il kiwi è ricco di vitamina C (85 mg/100 g), potassio, vitamina E,  ferro e fibre. Questo frutto rende la pelle più elastica e riduce le rughe, protegge gengive e denti.

Oltre ad arance e limoni una menzione particolare la merita la frutta secca utile per proteggersi dal freddo, nutriente ed energetica, ottima anche per preparare dolci gustosi e leggeri.

In pentola, nonostante le basse temperature, sono tanti gli ortaggi che possiamo cucinare:

  • Il finocchio non può proprio mancare nel carrello della spesa di gennaio. È composto per il 90% di acqua, per l’1,3% da proteine e il 3% da fibre. Ha effetti diuretici, antiemetici, antispasmodici e antinfiammatori.
  • La rapa contiene vitamina C, fosforo, fibre, vitamina B6, calcio, manganese, potassio e indoli. In questo periodo dell’anno, le rape sono più tenere e gustose.
  • Il cavolfiore dalle caratteristiche anti-aging, antiossidanti e anti-tumorali poiché è ricco di vitamina C, potassio e fibre. E’ molto consigliato dopo periodi di eccessi natalizi.
  • La cicoria, una verdura invernale che è molto utile per il fegato in quanto ne migliora le funzioni. La barbabietola rossa è’ molto indicata per un’alimentazione sana poiché è depurativa, mineralizzante, antisettica e ricostituente.
  • Altre verdure che crescono all’aria di gennaio sono: broccoli, carciofo, cardo, catalogna, carota, cavolo cappuccio, cavolo verza, cavolini di Bruxelles, cipolle , coste, crauti, erbette , indivia, lattuga, patate, porro, radicchio rosso, spinaci, topinambur, valerianella, zucca.

Come combattere il freddo di gennaio?

Nella spesa di gennaio sono indispensabili anche cibi che ci aiutino a superare il freddo.

Le zuppe e le minestre sono le regine dei pasti invernali, anche perché sono piatti unici facili da preparare e nutrienti. Contrastano il freddo come pochi altri piatti.

Minestroni, pasta e fagioli, e in generale l’abbinamento fra cereali e legumi caldi è perfetto sia in termini nutrizionali che di approvvigionamento di cibo sano e antiossidante.

Non dobbiamo dimenticarci del pesce: tutti i tipi di pesce azzurro sono antinfiammatori e quindi aiutano a prevenire l’influenza.

Infine per scaldarsi e non mangiare fuori dai pasti, le tisane e il . Riscaldano, rilassano, sono depurative e spesso anche antiossidanti (come il tè verde). Ideali nel pomeriggio o prima di andare a letto.