Formaggi, uova e insaccati nella piramide alimentare

dimagrire-dieta-salute-cibi-vietati

La piramide alimentare indica la corretta frequenza di assunzione degli alimenti nel corso della settimana.

Alla sua base sono presenti quei cibi che, in virtù dei principi nutritivi e delle proprietà benefiche, devono essere consumati tutti i giorni.

Man mano che si sale, invece, si trovano i cibi che devono essere assunti con più moderazione. Fino ad arrivare a quelli che sono da consumare solo una volta la settimana o in via del tutto eccezionale.

Tra questi ci sono formaggi, uova e insaccati. Tre nemici della nostra salute che andrebbero limitati, selezionati e – se possibile – evitati.

Oggi vogliamo dedicarci proprio a questo tema, presentandovi ognuno di questi alimenti nel dettaglio.

 

Il formaggio: perché consumarlo con moderazione?

Il formaggio è considerato da molti una delizia per il palato. Ma siamo pronti a scommettere che se sapeste quante e quali sono le sue controindicazioni, ne ridurreste di certo il consumo.

I formaggi sono nemici del calcio

Iniziamo con la prima nota dolente. Dovete sapere che studi scientifici dimostrano che i formaggi fanno calare la quantità di calcio nelle ossa.

I formaggi – come tutti i latticini – sono altamente acidificanti e, quindi, dannosi per le ossa. Questo è vero perché il sodio e le proteine animali in essi presenti stimolano l’aumento di livello di acidità nel sangue. In una simile condizione il nostro corpo, per reagire, preleva minerali dalle ossa – con lo scopo di contrastare lo stato di acidosi metabolica – con conseguente diminuzione del calcio.

Di pari passo con l’aumento del consumo dei latticini aumentano, quindi, i fattori di rischio legati a osteoporosi, artriti, reumatismi e fratture ossee.

I formaggi creano dipendenza, non abusarne!

Un altro aspetto importante da tenere in considerazione è che la caseina, contenuta all’interno dei formaggi, provoca dipendenza psicologica.

Questo accade perché, quando si mangia formaggio, nel cervello si formano le casomorfine: sostanze che producono una sensazione di euforia e fanno sentire il bisogno di mangiarne ancora, inducendo un circolo vizioso.

Il formaggio: cibo ad alto contenuto di grassi nocivi

È risaputo che i prodotti caseari contengono alti livelli di grassi saturi e colesterolo.

Questo è vero soprattutto per i cosiddetti formaggi stagionati, che contengono alti livelli di grassi saturi e colesterolo, i principali responsabili delle otturazioni di vene e arterie, che possono portare all’aterosclerosi e la cardiopatia.

Lattosio e intolleranze alimentari

Lo sapevate che circa il 70% della popolazione mondiale è intollerante al lattosio?

Questo dato potrebbe essere una dimostrazione del fatto che l’essere umano adulto non è fatto per il consumo di latte e latticini.

 

Le uova

Le uova sono un alimento dalla forma perfetta, che in cucina possono essere consumate in moltissimi modi differenti. Per questo sono considerate da molti una vera meraviglia della natura.

In realtà, le cose sono un po’ diverse da come sembrano.

Le uova sono molto ricche di grassi, la gran parte dei quali saturi.

Contengono, inoltre, grandi quantità di proteine animali e quindi di colesterolo (circa 200 milligrammi di colesterolo per un uovo di medie dimensioni).

Dal momento che il guscio dell’uovo è fragile e poroso, e che le condizioni in cui vengono tenute le galline ovaiole negli allevamenti sono di estremo sovraffollamento, l’uovo è l’ospite prescelto per molti batteri e bacilli, tra cui la salmonella.

Per questi motivi la piramide alimentare, prevista da Metodo 3 Emme, consiglia l’assunzione delle uova – una porzione è costituita da due uova di medie dimensioni – una sola volta a settimana. E suggerisce di optare per quelle di gallina e a codice 0.

 

Gli insaccati

Metodo 3 Emme consiglia di mangiare insaccati al massimo una volta la settimana, preferendo il prosciutto crudo dolce senza additivi aggiunti.

Gli insaccati, infatti, sono uno degli alimenti meno salutari. Ricchissimi di grassi saturi, proteine animali, colesterolo e sale. Senza dimenticare che, essendo prodotti animali, subiscono le conseguenze negative della continua somministrazione ai capi da allevamento di antibiotici e ormoni.

La cosa migliore da fare? Evitare di consumare insaccati.

 

Alimenti che nutrono in modo sano

Ci sono molti alimenti che nutrono di più rispetto a quelli appena citati e che sono in grado di apportare tutte le sostanze nutritive di cui realmente abbiamo bisogno.

Frutta e verdura in primis. Mangiatene quanta ne volete. Abusarne è impossibile.

Pasta e pane: ricchi di carboidrati, fondamentali per la nostra energia.

Legumi: fonte di proteine vegetali, ricchi di calcio e altri minerali.

Se davvero imparassimo a scegliere gli alimenti sani e salutari ne guadagneremmo in peso forma e in salute fisica e mentale.

Per imparare a mangiare in modo sano la soluzione migliore è quella di affidarsi a persone competenti, in grado di consigliarci e seguirci. Dei veri esperti in fatto di benessere, come i nostri Erboristi.