Proprietà e Benefici degli Asparagi

Le Proprietà degli Asparagi

Proprietà e Benefici degli Asparagi

Gli asparagi sono ricchi di clorofilla che, oltre a donargli il colore verde, gli regala proprietà molto interessanti per l’organismo ed un sapore caratteristico molto apprezzato.

Scopriamo insieme le virtù di questo alimento e qualche consiglio in cucina.

Varietà e benefici

Gli asparagi hanno davvero un’infinità di effetti benefici sul nostro organismo e, per questo, non dovrebbero mai mancare dalle nostre tavole, almeno una volta a settimana.

Esistono diverse varietà di asparagi che si diversificano per il sapore e per l’aspetto. Fra le più conosciute troviamo: gli asparagi bianchi che hanno un sapore delicato, il cui colore viene ottenuto dalla coltivazione in assenza di luce, gli asparagi violetti, dal sapore leggermente più amaro e gli asparagi verdi, dal gusto più marcato.

Infine, ricordiamo anche due varietà spontanee: l’asparago di campo e l’asparago di bosco, dai germogli più sottili delle qualità coltivate e dal sapore leggermente più amarognolo.

Composti da circa il 90% di acqua, gli asparagi sono ricchi di:

  • Fosforo
  • Potassio
  • Acido folico
  • Rutina
  • Calcio
  • Magnesio
  • Ferro
  • Vitamina A, C, B (B1, B2 e PP)

Questo ortaggio ipocalorico (24 kcal/100gr), ha importanti proprietà depurative e diuretiche, ma anche cardiotoniche, remineralizzanti e lassative. Inoltre, svolgono un’azione disinfiammante sulla milza, sono utili in caso di astenia, anemia, dolori mestruali e possono essere consumati da soggetti diabetici, in quanto abbassano il livello di glicemia. La presenza di rutina aiuta a rinforzare le pareti dei capillari, mentre l’acido folico svolge un’azione benefica sul cuore ed è molto utile per le donne in gravidanza.

Il consumo di asparagi è sconsigliato ai soggetti affetti da lesioni dell’apparato urinario, nei casi di calcoli renali e di cistite.

 

Come conservare e consumare gli asparagi

Per assicurarvi che al momento dell’acquisto gli asparagi siano freschi, controllate che le punte siano ben dritte e chiuse, mentre i gambi devono essere lucidi, duri e flessibili. Siccome tendono a deteriorarsi facilmente, conservarli in frigorifero per un tempo non superiore a quattro giorni.

Per quanto riguarda la preparazione, prima di essere cucinati, gli asparagi vanno puliti bene rimuovendo per prima cosa l’estremità legnosa del gambo e spellandone la parte inferiore.

A seconda della ricetta, si possono utilizzare solo le cime o anche il gambo, possono essere lessati o cotti al vapore e utilizzati come condimento per minestre o risotti, come contorno oppure cucinati direttamente crudi per preparare sformati, frittate e tanti altri piatti.

 

Una ricetta: risotto di farro con asparagi e fave fresche

Vediamo ora un suggerimento per preparare una gustosa pietanza a base di asparagi: con il farro e le fave fresche.

Ecco gli ingredienti per 4 persone:

–          200 g di farro

–          Una dozzina di asparagi grandi

–          ½ kg di fave fresche

–          ½ litro di brodo vegetale

–          1 cipolla

–          La buccia grattugiata di un limone

–          1 bicchiere di vino bianco secco

–          3 cucchiai di prezzemolo tritato

–          2 cucchiaini di olio extravergine d’oliva

Partiamo con la preparazione.

Per prima cosa, mettete in ammollo il farro per circa 20 minuti, scolatelo e risciacquatelo. Cuocete il farro per altri 20 minuti in una pentola di acqua salata, scolatelo un’altra volta e passatelo sotto acqua fredda pe fermare la cottura.

Ora, pulite gli asparagi, tagliateli a pezzetti, poi sbollentateli in acqua bollente per 3 minuti. Scolateli e lasciateli raffreddare.

Procedete con lo sgusciare le fave, sbollentatele nella stessa acqua degli asparagi per 1 minuto, scolate e passate sotto l’acqua fredda per eliminare la pellicina che le ricopre.

Scaldate il brodo vegetale. Versate un filo d’olio in una casseruola adatta al risotto, mettetelo sul fuoco e unite la cipolla tritata finemente. Fate cuocere a fuoco basso mescolando di tanto in tanto fino a che diventerà morbida e appena dorata.

Versate il faro nella casseruola con la cipolla, e fate rosolare il tutto. Bagnate con il vino e fate evaporare, sempre mescolando. Continuate la cottura bagnando di tanto in tanto con il brodo caldo.

Quando sarà cotto, unite gli asparagi, le fave, la buccia di limone e il prezzemolo tritato. Mescolate, lasciate riposare qualche minuto e servite.

 

Vi è venuta l’acquolina in bocca?