Dimagrimento Localizzato: bufala o realtà?

ditea-dimagrimento-localizzatoLa guerra ai chili di troppo è una vera seccatura, soprattutto quando questi vanno a posizionarsi su zone specifiche del corpo che proprio non ci piacciono. Oggi cerchiamo di chiarire in cosa consiste il dimagrimento localizzato e se davvero è efficace.

 

Eliminare il grasso localizzato

L’estate è ormai alle porte ed è proprio in questo periodo che molte persone sentono il bisogno di ritrovare una buona forma fisica per superare la prova costume. Ci sono alcune zone del corpo dove il grasso si accumula in maniera eccessiva. Generalmente gli uomini tendono a ingrassare nella parte dell’addome, mentre nelle donne il grasso si localizza principalmente su fianchi, cosce e glutei.

Purtroppo bisogna sapere che le zone di accumulo di energia in eccesso introdotta dall’alimentazione dipendono dalla genetica, dal sesso (ovvero dagli ormoni) e dall’età. Tutte variabili indipendenti dalla volontà umana. Difficilmente, quindi, si potrà avere un dimagramento localizzato nel punto desiderato.

 

Dimagrimento localizzato: ecco come funziona

Si possono sicuramente ottenere dei buoni risultati, ma non bisogna crearsi troppa aspettativa. Non è infatti possibile dimagrire esclusivamente in una determinata zona del corpo, ma si può favorire il dimagrimento localizzato se la perdita locale di grasso è inserita in un contesto di dimagrimento generale.

Per spiegare meglio quanto affermato, si ricorre spesso all’esempio del tennista le cui braccia, in rapporto, presentano una quantità di grasso simile nonostante una venga esercitata molto più dell’altra. Un altro studio ha sottoposto un gruppo di persone a un allenamento mirato sugli addominali per 27 giorni. Ogni settimana aumentava il numero complessivo di ripetizioni effettuate. Si passava da 140 ripetizioni nella prima settimana e si arrivava a fare 336 ripetizioni alla fine dell’ultima. Sono state poi misurate le dimensioni delle cellule adipose addominali, della regione sottoscapolare e delle natiche. Risultato: nessuna differenza! È infatti sbagliato pensare che molte ripetute consentano di ottenere risultati migliori. Anzi, esagerare con le ripetute può risultare dannoso, poiché sovraccarica i tendini e i legamenti e li sottopone a continue e dannose sollecitazioni.

Ci sono tuttavia una serie di accorgimenti che faciliterebbero la perdita di grasso in specifiche zone del corpo grazie ad appositi esercizi di tonificazione.

 

Alimentazione sana e attività sportiva per ritrovare il peso forma

Un regime alimentare corretto abbinato a un buon allenamento favoriscono la perdita dei chili in eccesso nel corpo. Vediamo cosa possiamo fare e cosa, invece, è meglio evitare per raggiungere i nostri obiettivi.

Cose da fare

  1. Seguire un’alimentazione bilanciata. No alle diete iperproteiche e ipocaloriche, che attaccano la massa magra e risparmiano il grasso, ponendo inoltre le basi per ingrassare ancor di più quando si ricomincia a mangiare.

 

Ecco alcuni consigli di cosa possiamo mettere in tavola:

 

  • Frutta e verdura che contengono molte vitamine e sali minerali e poche calorie.
  • Carne bianca che contiene proteine, aminoacidi e ferro ed è meno grassa della carne rossa. È utile sapere che la carne bianca è facilmente digeribile.
  • Il pesce deve essere mangiato almeno quattro volte la settimana, è preferibile ovviamente cucinare i cibi con cotture poco elaborate, ad esempio al vapore, alla griglia o al cartoccio.
  • Bere molta acqua, almeno due litri al giorno, in modo da aiutare l’organismo a espellere le tossine in eccesso.
  • Evitare di bere bibite gassate che gonfiano l’addome e che sono ricche di zuccheri.
  • Mangiare con moderazione i dolci.

 

  1. Svolgere un’attività fisica mista, di tipo aerobico (cyclette, corsa, camminata sostenuta, ginnastica aerobica) e di tipo muscolare (pesi, esercizi a corpo libero, con elastici) almeno per 3 volte a settimana e della durata di non meno di 40 minuti.

 

 

Cose da non fare:

  1. Non mangiare o mangiare poco. In caso di digiuno o semi-digiuno il corpo risponde solamente attraverso un sistema di allarme enzimatico-ormonale, mediato dal sistema nervoso, che porta a risparmiare le preziose riserve di grasso e a distruggere la massa magra.
  2. Fare solo attività aerobica, trascurando il lavoro muscolare. Ricordate che fare solo corsa o bicicletta brucia molto meno grassi di quel che si pensa. Avere dei muscoli tonici, invece, permette di bruciare più calorie, anche nel sonno. I muscoli vivi hanno infatti un perenne bisogno di energie, anche se stiamo seduti.
  3. Tagliare i carboidrati dalla nostra alimentazione, nell’illusione che non mangiando né pane né pasta si dimagrisca. Solo i carboidrati forniscono ai grassi la chiave di accesso metabolica ai processi di combustione e smaltimento. Niente carboidrati, niente grassi bruciati, ma solo una situazione poco fisiologica per l’organismo.

Impegno è sinonimo di risultato

Purtroppo non esistono trucchi e metodi veloci per dimagrire, ma con impegno e perseveranza si possono ottenere ottimi risultati. Non mollate!