Cibi surgelati Metodo 3EMME

Cibi surgelati: come scongelarli in salute

Gli alimenti surgelati possono far parte della nostra alimentazione. Il valore nutrizionale dei cibi rimane pressoché inalterato. Consumare surgelati è garanzia di conservazione e integrità di molti nutrienti, e d’igiene, in quanto le basse temperature bloccano l’attività di enzimi e batteri che, a temperatura ambiente, decompongono invece l’alimento. Pertanto la surgelazione si può ritenere la migliore tecnologia di conservazione da un punto di vista igienico e nutrizionale.

Per scongelare (o desurgelare) gli alimenti congelati o surgelati si dovrebbero seguire le indicazioni riportate in etichetta, anche per le modalità di utilizzo e per la eventuale conservazione.

Ricordiamoci, in primis, che quando un cibo era già stato congelato in precedenza (a livello domestico) non bisogna mai conservarlo più di 24 ore.
Per alcuni prodotti già precotti come il minestrone o i bastoncini o le patate tagliate a pezzi e pronte a friggere, lo scongelamento può avvenire direttamente in pentola se fritti o al forno, ovvero durante la stessa fase di cottura. Escluse queste eccezioni, lo scongelamento dei cibi deve avvenire lentamente a temperature moderatamente fredde (+4 C°) quindi l’ideale sarebbe tenerli per 12/24 ore in frigo (dal giorno prima di cucinarli).

 

Va assolutamente evitato lo scongelamento all’aria – soprattutto se in presenza di radiazioni solari- accanto a fonti di calore (stufe, termosifoni…), in ammollo (indipendentemente se in acqua calda o fredda) o sotto acqua corrente, in quanto tali pratiche, che si tramandano per consuetudine da generazione in generazione (chi di noi non le ha mai viste fare ai propri genitori!), sono igienicamente pericolose in quanto facilitano la contaminazione e la proliferazione batterica.

 

I farinacei da forno, invece, come il pane, possono essere scongelati (se chiusi nella loro confezione) a temperatura ambiente avendo cura di non posizionarli in zone di contaminazione microbica. Gli alimenti scongelati vanno poi preparatiti, cucinati e consumati dopo la scongelazione e non vanno MAI ricongelati.

 

Oggi si sta diffondendo una moda influenzata dalla cucina orientale (sushi, sashimi, ecc…) di cibi crudi, specialmente di pesce. A questo proposito esiste tutta una normativa vigente ma senza entrare troppo nella burocrazia si può continuare a mangiare pesce crudo riducendo il rischio di parassitosi (Anisakis, Trichinella, Opisthorchis…) eseguendo tali procedure:

 

• -20 C° per almeno 24 h (Regolamento CE 853/2004)
• -18 C° per 96 ore (D.M. Salute 17.07.2013)

 

Va sempre ricordato che le basse temperature da frigorifero, non uccidono i microrganismi ma lo fa solo la cottura che raggiunge determinate temperature per un certo periodo di tempo.