Combattere le abitudini sbagliate con Metodo 3 Emme

abitudini sane

In un articolo precedente abbiamo visto come stili di vita malsani abbiano un’influenza assolutamente negativa sul nostro organismo. Certo, ne siamo tutti al corrente ed esistono tanti testi in rete che ci illustrano questi comportamenti che, ormai, riconoscerli ci viene facile. Evitarli è importante, ma quali alternative abbiamo? Insomma, una volta individuate le nostre abitudini sbagliate come possiamo adottare uno stile di vita sano. Oggi vi diamo qualche consiglio.

 

Evitare le abitudini sbagliate per vivere meglio

Ecco un elenco delle principali abitudini sbagliate da evitare. Le trovate tutte anche nel nostro libretto. Qui abbiamo fatto una selezione delle più comuni. Quelle che i nostri erboristi riscontrano spesso nelle persone che scelgono di seguire Metodo 3 Emme.

  1. Mangiare in fretta;
  2. Abbondare con i latticini;
  3. Mangiare molti insaccati e carni rosse;
  4. Scegliere pesci molto grassi e/o crostacei;
  5. Bere molte bevande gassate e zuccherate;
  6. Consumare con frequenza alcolici;
  7. Abusare dello zucchero.

Sette comportamenti che, come sapete, non solo ci fanno ingrassare ma minano la nostra salute fisica. Per questo dobbiamo evitarle e, se presenti, correggerle.

 

Correggere le abitudini sbagliate è la scelta giusta da fare!

Abbiamo scelto di trattare solo una manciata di abitudini malsane oggi. Questo perché vogliamo offrirvi delle soluzioni applicabili nella vostra quotidianità fin da subito. Sì, vogliamo esservi utili e fare in modo di trasmettervi le nostre conoscenze sull’alimentazione e il benessere.

In seguito torneremo sull’argomento, analizzando altri comportamenti sbagliati. Per ora, invece, vi diamo 7 consigli per correggere le abitudini sbagliate che abbiamo trattato in questo articolo.

  1. Anche se siete di corsa, sedetevi e mangiate. Non consumate mai i pasti in piedi. Questo vi aiuterà ad aumentare il tempo che dedicate loro e vi permetterà di correggere un’abitudine poco sana. L’ideale sarebbe masticare con cura ogni boccone. Sappiamo che per molti è difficile. Una soluzione pratica potrebbe essere quella di contare fino a dieci ogni volta che introduciamo del cibo in bocca. Questo ci darà un nuovo ritmo – più lento e corretto – consentendo al nostro apparato digerente di attivarsi fin da subito.
  2. Se proprio non potete fare a meno dei latticini orientate le vostre scelte verso prodotti sani e di origine controllata. Cercate di non esagerare con i latticini freschi e concedetevi un piccolo pezzo di formaggio di tanto in tanto. Il grana padano stagionato è una valida soluzione, anche se dovete fare attenzione alle quantità. Lo stesso vale per lo yogurt: meglio se non zuccherato, o comunque a basso contenuto di grassi. Una valida alternativa a questi alimenti sono creme o preparati a base di soia che rappresentano certamente scelte più sane ed equilibrate.
  3. Quando volete mangiare carne orientatevi su quella magra (bianca) e su tagli che garantiscano la minor presenza di grassi possibile. Un occhio di riguardo va rivolto anche alla cottura: abolite oli e condimenti. Preferite, al loro posto, una cottura a vapore o in forno, più leggera e salutare. E se proprio non riuscite a rinunciare ai salumi optate per il prosciutto crudo magro o della fesa di pollo/tacchino. Ovviamente senza eccedere nelle quantità.
  4. Avete voglia di pesce? Ottima scelta, ma fate attenzione a quale consumate! Orientatevi verso animali di piccole dimensioni e cotti rigorosamente al forno. L’orata e il persico, per esempio, sono buonissimi e contengono meno grassi rispetto ad altre varietà. E siccome questo alimento lo consente, usate senza timore le spezie per profumare i vostri piatti e arricchirli.
  5. Per abituarvi a non assumere bevande gassate zuccherate potete indirizzarvi verso le tisane o gli infusi. Questi preparati, infatti, sono altrettanto gradevoli e fanno molto bene al nostro organismo. Ogni volta che ne avvertite l’esigenza potete prendere una tazza e sbizzarrirvi nella scelta della combinazione di erbe più vicina ai vostri gusti. Inoltre, il tempo necessario per la preparazione della tisana aiuta nel limitarne il consumo, portandoci a non eccedere. Insomma, chiedete al vostro erborista di fiducia di rifornirvi di preparati che siano utili per voi e che, quindi, vi aiutino ad ottenere benefici assumendoli.
  6. Bere alcolici non solo fa male alla salute, ma rischia di trasformarsi in un’abitudine difficile da superare. L’ideale sarebbe limitarne il consumo al solo vino – meglio se fatto in casa o di provenienza certa – in occasione dei pasti. Anzi, vogliamo essere chiari con voi: bere un calice di vino al giorno – a cena, per esempio – non danneggerà di molto il vostro organismo a patto che vi fermiate a questa dose. Andare oltre significherebbe introdurre calorie (e zuccheri) in eccesso, insieme a una sostanza che obbliga il nostro corpo ad adattarsi ad essa senza poterla sfruttare per nutrirsi.
  7. L’ultimo consiglio è forse il più semplice: eliminate dalle vostre dispense lo zucchero tradizionale e sostituitelo con aromatizzanti e/o dolcificanti naturali.  Se proprio non trovate alternative che siano di vostro gradimento, allora optate per lo zucchero di canna che è meno calorico e più sano. Ma attenzione: scegliete sempre quello grezzo, non trattato.

 

Conclusioni

Oggi vi abbiamo voluto passare qualche suggerimento per trasformare le nostre abitudini alimentari sbagliate in comportamenti salutari. Un articolo che, secondo noi, può aiutarvi nell’affrontare al meglio Metodo 3 Emme. Giunti a questo punto, però, siamo curiosi di scoprire in quali di queste abitudini vi ritrovate.