Cioccolato? Non soltanto a Pasqua. Ma fondente al 70% e puro!

Il cioccolato è uno degli alimenti più amati al mondo, consumato in innumerevoli preparazioni, per il suo pregevole gusto ed aroma.

Il burro di cacao (le masse di cacao o cioccolato lo contengono per circa il 40%) è unico perché si fonde alla temperatura della bocca e lentamente libera un sapore ed un aroma ricco di sensazioni. Oltre che determinare delle percezioni piacevoli, i ricercatori stanno scoprendo continuamente nuove informazioni su quest’antico alimento.
Principali proprietà del cacao :
1. Il caco fa bene al cuore: Il burro di cacao non innalza i livelli di LDL-colesterolo (il colesterolo cattivo) ed aumenta invece i livelli di HDL-colesterolo (il colesterolo buono)
2. Il contenuto d’antiossidanti è molto elevato, già nel 1996 il Lancet pubblicò la prima ricerca. Uno studio recente pubblicato su Molecular Nutrition and Food Research, relalizzato in Spagna dai ricercatori dell’Istituto di Alimenti e Nutrizione – Scienza e Tecnologia –, capitanati dalla dottoressa Maria Arribas sottolinea proprio come gli effetti del cacao, ricco di polifenoli,  riesca a contrastare l’ossidazione del corpo, ovvero l’azione dannosa dei radicali liberi nel generare infiammazione.
3. Senso di piacere: la ricerca scientifica ha identificato delle sostanze chimiche, più comunemente note come neurotrasmettitori (serotonina, endorfina, anandamide, feniletilammina), dette sostanze influenzano significativamente il tono dell’umore a cui viene associato un’efficace azione antistress. L’ultima sostanza scoperta l’anandamide deriva dal sanscrito “ananda” significa felicità: l’anandamide è in grado di stimolare le percezioni sensoriali ed indurre euforia
4. La teobromina e caffeina (metilxantine), presenti nel cacao, hanno la prerogativa di innalzare il livello d’attenzione del cervello, di favorire la concentrazione e d’allontanare la sensazione della fatica.
5. Presenza importante nel cacao di vitamine E, PP, oltre che dei preziosi minerali magnesio e zinco, sostanze spesso carenti nei cibi della nostra abituale alimentazione.

Leggiamo bene le etichette!

Detto questo va informato del fatto che spesso il cacao in commercio non è puro: viene mescolato con latte vaccino, il cosiddetto “cioccolato al latte”, perdendo tutti i valori antiossidanti. Invece del prezioso burro di cacao poi spesso troviamo presenza di grassi vegetali come l’olio di palma e l’olio di cocco, specie nelle creme spalmabili. Questi sono grassi ottenuti da processi di raffinazione, sbiancamento e deodorazione e aumentano l’indice di aterogenicità fattore che indica il rischio di aterosclero¬si, e tra i grassi l’olio di palma risulta essere tra i più aterogeni sia perché ricco di acido palmitico, sia per il fatto che l’olio di palma a temperatura ambiente da solido viene sciolto poi all’atto della preparazione industriale conferendogli una quantità di acidi grassi saturi simile ai grassi di origine animale. Quindi attenzione quando nel cambio ingredienti perdiamo gli aspetti protettivi del cacao e inneschiamo il rischio grassi saturi.