MaMMa: 3EMME IN GRAVIDANZA COME STILE DI VITA

MaMMa: sarà un caso che la parola più bella che ci sia contenga 3EMME?

Quando parliamo di gravidanza si fa ancora molta fatica a concepire il concetto di dieta. Tante mamme, nel momento in cui si scoprono tali, iniziano a porsi domande su cosa e quanto mangiare. Troppe donne, invece, non hanno ancora consapevolezza di quanto l’alimentazione influenzerà la vita del nascituro.

L’alimentazione della donna in gravidanza DEVE essere CONSAPEVOLE. Quindi si alla dieta come stile di vita!

Nel primo trimestre di gravidanza avvengono le divisioni cellulari a carico del bambino e la formazione degli organi. Nel secondo e terzo trimestre avviene il 90% della crescita corporea fetale. Già durante la vita endouterina il feto è capace di riconoscere i sapori e le prime papille gustative compaiono a circa 8 settimane di gestazione. Il feto inizia deglutire (liquido amniotico)  a 12 settimane di gestazione . Una dieta ricca di frutta e verdura (caratterizzata da gusto amaro) influenzerà in seguito i gusti del bambino che preferirà questi alimenti e li sceglierà da adulto. L’esposizione ad una sovra-nutrizione nella vita fetale genera una serie di risposte neuro-endocrine che influenzano lo sviluppo del tessuto adiposo e del sistema centrale di regolazione dell’appetito. Le scelte alimentari che compie la mamma durante la gravidanza andranno ad influenzare, insieme ad altri fattori di stress ambientali, una risposta biologica ereditabile trasmessa alla prole (epigenetica).

Parliamo di Fetal-programming ovvero di quanto lo stile di vita materno interferisce nello sviluppo fetale con un impatto importante a media e lunga scadenza sulla vita post natale (malattie metaboliche, cardiocircolatorie e neurologiche).

In gravidanza consiglio quindi uno stile 3EMME ovvero un alimentazione molto varia con frutta e verdura mangiata dalle 5 alle 7 volte al giorno. I cardini della dieta saranno:

Ø Frutta e verdura (locale, stagionale  e fresca)

Ø Cereali integrali

Ø Legumi

Ø Olio extravergine di oliva monovarietale spremitura a freddo

Ø Proteine (nè troppe nè poche)

Si consiglia alle donne incinte di limitare l’ utilizzo di glutine e lievito. Di iniziare ogni pasto con la verdura cruda e terminarlo con quella cotta.

Il tipo di cottura da preferire è sicuramente quella al vapore, in quanto mantiene inalterate la maggior parte dei macro e micronutrienti contenuti negli alimenti.

Bere almeno 1, 5 lt di acqua oligominerale al giorno. Eliminare bibite dolci, gassate e superalcolici. Come dolce ci si possono concedere anche 5 porzioni settimanali di cioccolato, purché sia fondente. Questa qualità è infatti più povera di zuccheri, ma ricca di teobromina, importante per la prevenzione dell’ ipertensione arteriosa e della pre-eclampsia. Buona avventura MaMMa!

3emmer Dott.ssa Marianna Maione, Biologo Nutrizionista

PIÙ TAO BIANCO PER TUTTI. “il TAO dell’alimentazione”, libro d’esordio del Dott.Mariani ci insegna cosa fa bene e cosa fa male.

“Quello che avete in mano non è soltanto un libro su cosa si deve e su cosa non si deve mangiare, è qualcosa di più: è il racconto della mia vita.“ Così inizia “il TAO dell’alimentazione”, libro d’esordio del Dott. Mauro Mario Mariani, ideatore del Metodo 3EMME. Un libro frutto di 25 anni di studi e ricerche, di esperienze cliniche e di emozioni. Emozioni che ha provato a trasferire su carta, pagina per pagina, raccontando i passaggi della sua vita che hanno caratterizzato la sua storia non solo di medico. Il libro inizia con il capitolo autobiografico “Questo sono io” dove viene spiegato perché un giovane dee jay si iscrive alla facoltà di medicina, perché un medico si occupa d’inquinamento e perché un angiologo diventa “mangiologo”. Nel resto delle 360 pagine si vuole donare al lettore consapevolezza, parola che evoca nella sua etimologia due termini: “cum” e “sapere”. Il riferimento al “cum” è inteso come un insieme, una relazione, una socialità, senza la quale la conoscenza profonda, il “sapere”, non può avvenire. Tutto porta inevitabilmente ad una scelta: Scelgo ciò che mangio, scelgo ciò che fare. Ecco che nasce il TAO, dove il cibo non assume mai nessuna sfumatura di grigio, ma è o bianco o nero, fa bene o fa male, ti difende o ti nuoce. L’equilibrio nel TAO consiste nell’acquisire un metodo, che non sia moda o situazione contingente. Un metodo che ci porti a contrastare e gestire un quotidiano carico di troppi stressogeni. Non c’è nessuna pretesa filosofica orientale nel TAO dell’alimentazione e nessun riferimento al simbolismo cinese dello “yin e yang”. Nel libro non c’è mai complementarietà, i due principi opposti qui non possono convivere, se lo farebbero subiremmo sintomi e andremmo alla lunga a rompere un equilibrio. L’obiettivo è di guadagnare più TAO BIANCO possibile. Il TAO NERO è il nostro “body burden”, ovvero la zavorra corporea, che quotidianamente carichiamo di sostanze tossiche: è come se avessimo un rubinetto che perde una goccia al giorno in un vaso, lentamente e inesorabilmente si riempie sino a che questo non trabocca e si iniziano a manifestare sintomi che inevitabilmente si trasformano poi in malattia. Il TAO BIANCO è la difesa verso il TAO NERO. È Educazione, Consapevolezza, Scelta, Metodo. L’educazione parte nell’insegnare le giuste scelte con consapevolezza per arrivare all’applicazione di un nuovo Metodo, il ritorno alla Dieta Mediterranea: Mangia Meglio Mediterraneo! Il libro diventerà una guida per tutti coloro che hanno abbracciato in questi sei anni il Metodo 3EMME.

Il libro edito da CAPPONI EDITORE sarà presentato in anteprima nazionale ad Ascoli Piceno l’11 Dicembre 2015, al Foyer del Teatro Ventidio Basso, e da sabato 12 dicembre sarà disponibile in tutte le librerie.

La redazione del blog 3EMME

Da oggi il blog 3EMME si rinnova: nuova redazione, nuovi contenuti per un’informazione sempre più ricca.

Ecco i nostri Nutrizionisti, capitanati dal Dott.Mariani:

  • #MauroMarioMariani
  • #MaristellaMarchetti
  • #MariannaMaione
  • #AndreaDAlonzo
  • #MichelaAlbertaToro
  • #RiccardoBattista
  • #ChiaraBartolini

Buona lettura!

Alimentazione Sana e Stile di Vita equilibrato per essere in forma

Metodo 3EMME e Benessere Psicofisico

Alimentazione Sana e Stile di Vita equilibrato  per essere in forma

Gli ultimi dati statistici affermano che in Italia ci sono 3 adulti su 10 (32%) in sovrappeso, mentre 1 su 10 è obeso. Quindi, il 42% della popolazione dai 18 ai 69 anni è in eccesso ponderale. L’obesità colpisce in prevalenza gli uomini e cresce con l’invecchiamento. Infatti, tra gli over 50 la metà dei soggetti è in eccesso di peso.

 

Il regime alimentare è fondamentale per il nostro Benessere

Sempre più spesso si pensa, erroneamente, che mangiare bene significhi solo saziarsi. Consumare cibi buoni e di qualità in un ambiente amichevole, mangiare un po’ di tutto ma in quantità adeguate, è però altrettanto importante. Ed è per questo che è fondamentale saper distinguere tra i cosiddetti cibi funzionali e i cibi spazzatura:

  • I cibi funzionali sono quelli che, oltre ad avere un corretto contenuto nutrizionale, sono riconosciuti come elementi benefici per una o più funzionalità sull’organismo e portano a un miglioramento dello stato di salute, di benessere e a una riduzione del rischio di malattia.
  • I cibi spazzatura sono gli alimenti ultra-raffinati, talvolta inutilmente arricchiti di grassi idrogenati, zucchero e sale, con contenuto calorico molto alto in relazione al valore nutrizionale che può risultare sbilanciato.

A questo proposito, quindi, la dieta dovrebbe riguardare cibi e bevande che per qualità e quantità devono essere assunti quotidianamente, in modo equilibrato per soddisfare il fabbisogno energetico, plastico e regolatore dell’organismo. Metodo 3EMME, in questo senso, è un percorso alimentare che propone un nuovo stile di vita caratterizzato da una strategia NUTRICENTRICA, cioè una dieta volta a massimizzare i cibi ricchi di elementi positivi per il nostro organismo, possibilmente biologici ed equilibrati per assicurare al nostro organismo ciò di cui ha bisogno

Una giusta alimentazione è dunque determinante per uno sviluppo fisico sano a partire dalla fase prenatale e lungo tutta la nostra vita. Una nutrizione equilibrata è direttamente legata a una buona salute materno-infantile e facilita i bambini nell’apprendimento, aiutando gli adulti a essere più produttivi.

 

Lo stile di vita e la Salute: un binomio indissolubile

Un regime alimentare corretto è essenziale per il benessere psicofisico della persona, ma non sufficiente. Infatti, è importante abbinare a una dieta bilanciata uno stile di vita attivo, che preveda la pratica quotidiana di attività fisica. Farlo aiuta a mantenere un peso corporeo adeguato, permettendo una crescita più armoniosa dal punto di vista fisico e più serena da quello psicologico.

Spesso, infatti, le persone in sovrappeso o obese tendono a essere emarginate. In particolare, i bambini sono portati a sviluppare un rapporto difficile con il proprio corpo e con i coetanei. Di conseguenza, tendono a isolarsi ancora di più causando un invitabile aumento delle abitudini sedentarie.

 

Metodo 3EMME e Benessere Psicofisico: la nostra Soluzione

Il Metodo 3EMME è un regime alimentare fondato sul legame tra corretta alimentazione e stile di vita sano che, oltre a dare benefici psicofisici nel breve periodo, aiuta anche nella prevenzione e nella cura di molte malattie croniche. Tra queste ricordiamo l’obesità, il sovrappeso, l’ipertensione arteriosa, le malattie dell’apparato cardiocircolatorio, le malattie metaboliche, il diabete tipo 2 e alcune forme di tumori.

Le motivazioni per adottare uno stile di vita sano a 360 gradi sono veramente infinite, ma non sempre è così semplice adeguarvisi completamente. Ecco perché abbiamo creato un percorso per accompagnare le persone verso l’apprendimento di un insieme di buone regole che le aiutano a stare meglio. Un Metodo, il nostro, che prevede il supporto diretto – durante le prime 6 settimane – di un Professionista della Nutrizione: un Erborista che, con i suoi consigli, è in grado di prendersi cura dei pazienti, dando consigli personalizzati.

 

Quali sono le maggiori difficoltà che vi fanno desistere dal seguire uno stile di vita sano? Condivideteli sul nostro blog o sulla pagina Facebook Ufficiale!

Metodo 3 Emme: frutta e verdura a volontà

Metodo 3 Emme consiglia: Frutta e Verdura a volontà

Metodo 3 Emme: frutta e verdura a volontà

La lezione numero 1 per chi decide di seguire Metodo 3EMME, sia che cerchi di perdere peso, sia che desideri semplicemente mantenere o ritrovare un buona stato di forma, è una sola: riconoscere l’importanza della frutta e della verdura.

Queste due categorie di alimenti costituiscono il fondamento di tutto il Metodo. Oggi vi spiegheremo il perché.

 

Proprietà e benefici

Il motivo principale per cui frutta e verdura sono indispensabili per qualsiasi dieta è l’elevatissimo contenuto di sostanze nutrienti, fondamentali per l’organismo. Vediamole una per una:

  • ACQUA: costituisce circa il 70% del nostro corpo e, inoltre, svolge un ruolo fondamentale per la conservazione e la riproduzione delle cellule. Non a caso, tutti i nutrizionisti consigliano di bere molto e, per l’appunto, di mangiare frutta e ortaggi, in quanto alimenti con un alto contenuto d’acqua.
  • VITAMINE: sono importantissime, soprattutto per la funzione che svolgono a livello metabolico: permettono, infatti, di assorbire tutte le sostanze nutrienti presenti nel cibo che mangiamo. In più favoriscono la formazione di nuove cellule, prevenendo l’invecchiamento ed esercitando una forte azione antiossidante.
  • FIBRE: favoriscono l’eliminazione delle sostanze nocive dall’organismo, regolano le funzioni intestinali e aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo. Gli alimenti vegetali sono l’unico modo che abbiamo per assumerle.
  • SALI MINERALI: anche i minerali aiutano il metabolismo, senza dimenticare l’importante contributo nella regolazione delle funzioni cellulari. Tra di essi è da ricordare il potassio, che aiuta chi soffre di problemi cardiovascolari o di ipertensione.
  • ZUCCHERI: presenti soprattutto nella frutta – sotto forma di fruttosio – sono energia pronta all’uso; la contemporanea presenza di fibre fa sì che gli zuccheri siano assorbiti in maniera ottimale dall’organismo (cosa che, ad esempio, non avviene coi dolci).

Un altro aspetto da sottolineare è che frutta e verdura assicurano sì un ottimo apporto a livello di elementi nutrizionali, ma senza appesantire eccessivamente.

Ciò è dovuto in parte al basso contenuto di calorie, in parte alla presenza delle fibre – che, tra le loro innumerevoli proprietà, hanno anche quella di provocare senso di sazietà.

 

All’interno del Metodo

Quanto appena detto dovrebbe avervi fatto capire perché frutta e verdura sono così importanti per una corretta alimentazione. Ora vediamo come collocarle nel Percorso alimentare di 3EMME.

Per fare ciò, basta avvalerci della nostra Piramide Alimentare, cioè di un modello che ordina i diversi cibi in base alla frequenza di assunzione consigliata.

Piramide Alimentare Metodo 3 Emme

Come potete vedere frutta e verdura si trovano nella parte bassa della piramide, tra gli alimenti che vanno consumati tutti i giorni.

Anzi, vi diremo di più: il primo passo che consigliamo a chi decide di intraprendere la strada di Metodo 3EMME è l’assunzione di frutta e verdura 5 volte al giorno. Vi assicuriamo che non esiste modo migliore per liberare l’organismo da tutte le tossine generate da abitudini alimentari errate, e per prepararlo ad un nuovo stile di vita.

Altri consigli che possiamo darvi al riguardo sono:

  1. Cercate di consumare sempre la verdura cruda e la frutta allo stato più naturale possibile (no preconfezionata). Questo perché con la cottura e gli altri processi di trasformazione molte delle vitamine contenute in questi prodotti (in particolare la vitamina C) tendono a deteriorarsi e scomparire.
  2. Per quanto riguarda la frutta, consigliamo di non mangiarla durante i pasti principali (pranzo e cena); al contrario, è perfetta come spuntino di metà mattina o metà pomeriggio. L ’unica eccezione può essere quella di utilizzarla per arricchire le insalate.
  3. All’interno delle due categorie, cercate di variare il più possibile tra i diversi alimenti. Ad esempio, se decidete di mangiare 3 frutti in 3 diversi momenti della giornata (mattina-pomeriggio-sera), non mangiate 3 mele, ma piuttosto una mela, un’arancia e una banana.

 

Frutta e verdura di stagione

L’ultima indicazione che vi diamo, è quella di privilegiare sempre i prodotti di stagione.

Per aiutarvi e “guidarvi” nella scelta, ecco 2 tabelle con i principali frutti e ortaggi e i mesi dell’anno in cui potete trovarli.

Tabella Frutta e Verdura di Stagione

Tabella Frutta e verdura di Stagione

Se avete qualche dubbio riguardo al Metodo, non esitate, scriveteci! I nostri esperti saranno felici di aiutarvi.

Evento Simposio di Metodo 3 Emme: le Ragioni per Condividere i Risultati Raggiunti

Simposio di Metodo 3 Emme: condividere i risultati è importante

A pochi giorni dal Simposio di Metodo 3 Emme – l’evento che vuole festeggiare i primi 5 anni di attività – vi sveliamo i motivi per i quali abbiamo deciso di condividere i risultati raggiunti. Quando trovi una soluzione concreta per il benessere e la salute degli individui, serve a nulla tenere per sé i successi. Sì, perché questi sono imprescindibili dall’impegno e si accompagnano – quasi sempre – a ostacoli e contrattempi da superare.

Evento Simposio di Metodo 3 Emme: le Ragioni per Condividere i Risultati Raggiunti

Era il 2010 quando capimmo che le nostre fatiche nel cercare di sviluppare un programma capace – allo stesso tempo – di stimolare la perdita di peso, mantenendo la massa magra inalterata e riequilibrando i livelli dell’organismo avevano generato i frutti sperati. Eravamo sulla buona strada per offrire alle persone un’alternativa: un Metodo per tornare in forma e in salute.

Oggi, a 5 anni di distanza dalla nascita di Metodo 3 Emme, abbiamo deciso di festeggiare insieme a tutte le persone che – ogni giorno – ci aiutano a trasformare quello che ormai è un sogno lontano in realtà. Il Simposio sarà l’occasione per incontrare i nostri collaboratori (agenti, erboristi e consulenti), aggiornarli sui risultati conseguiti e ascoltare le loro esperienze.

 

Simposio di Metodo 3 Emme: una giornata per il benessere comune

Noi la chiamiamo la Rete del Benessere: è un gruppo di persone di cui fanno parte gli otre 300 centri autorizzati 3 Emme sparsi in tutta Italia, gli agenti e i collaboratori del progetto. Ed è proprio all’insegna del fare rete che si svolgerà l’Evento Ufficiale del 29 marzo a Riccione.

Gli inviti sono stati accolti con entusiasmo, ma tutti ci hanno ripetuto una stessa domanda a cui vogliamo dare risposta qui:

“Perché condividere i risultati di Metodo 3 Emme e renderli pubblici?”.

Noi abbiamo almeno 3 ragioni valide per farlo e vogliamo raccontarle anche a voi.

Simposio di Metodo 3 Emme: gli obiettivi dell’evento

3 motivi per condividere i risultati di Metodo 3 Emme in occasione del Simposio di Rimini

#1 – Informare

Il modo migliore per far conoscere Metodo 3 Emme. È quello che facciamo quotidianamente grazie ai nostri collaboratori sul territorio e in rete, attraverso la pagina Facebook e il blog. Così non raccontiamo solo in cosa consiste il percorso di 3 Emme, ma aiutiamo le persone a imparare uno stile di vita sano.

Dimagrimento, benessere e salute: sono i 3 pilastri su cui poggia la nostra attività e che hanno bisogno di essere raccontati al maggior numero di persone possibili. Ecco perché lo faremo, ancora una volta, in occasione del Simposio di Metodo 3 Emme (il 29 marzo a Riccione).

#2 – Sensibilizzare

Informare non basta. Quello che serve, per coinvolgere il pubblico attorno alle tematiche che ci stanno a cuore, è una vera e propria opera di sensibilizzazione. Dire che l’alimentazione è fondamentale per il nostro benessere psico-fisico serve a poco, se chi ci ascolta non è sulla nostra stessa lunghezza d’onda.

Il Simposio di Metodo 3 Emme, quindi, sarà l’occasione per condividere con i nostri collaboratori e con gli utenti sul web i risultati del percorso con l’obiettivo di avvicinarli ancora di più alla nostra mission.

#3 – Confrontarsi

L’abbiamo ripetuto tante volte: il nostro successo è dovuto anche alla Rete del Benessere. È grazie ai nostri collaboratori – agli erboristi e agli agenti, tra gli altri – che Metodo 3 Emme ha potuto raggiungere un pubblico così vasto. È grazie a loro che tante persone non solo hanno perso peso, ma si sono rimesse in salute.

Ed è proprio confrontandoci con loro, ascoltandone le esperienze e le testimonianze, che possiamo crescere ancora di più rispondendo in modo efficace alle esigenze delle persone.

 

Metodo 3 Emme: persone, oltre ai risultati

Insomma, se scegliamo di condividere i traguardi raggiunti è perché Metodo 3 Emme è – prima di tutto – una rete di persone accomunate dall’attenzione verso benessere, alimentazione e salute. Una community che trova nello stile di vita ideato dal Dott. Mariani la risposta alle sue domande: una soluzione reale, un’alternativa efficace.

Noi vogliamo andare avanti, sviluppando sempre più le potenzialità del metodo. Per farlo, abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti: dei collaboratori che ci terranno compagnia al Simposio di Metodo 3 Emme, ma anche del vostro.

 

Raccontateci le vostre storie!
È con le vostre testimonianze che potremo migliorare. Scriveteci un’email o contattateci su Facebook. Siamo curiosi di sapere come avete vissuto le 6 settimane del percorso.
Coloranti alimentari e Iperattività

Metodo 3EMME: Coloranti Alimentari e Iperattività

Coloranti alimentari e Iperattività

Tutti noi abbiamo sentito parlare, almeno una volta, dei coloranti alimentari e del fatto che i cibi che li contengono andrebbero evitati. Il perché vadano evitati è presto detto: fanno male alla nostra salute.

Quello che invece molti non sanno è che uno dei problemi che derivano dall’assunzione di coloranti è l’iperattività infantile. Di questo vi parleremo oggi.

 

Cos’è l’iperattività

L’iperattività è un disturbo dell’umore, che colpisce i bambini dai 3 ai 9-10 anni. La manifestazione principale di questo disturbo è un costante stato di agitazione, accompagnato dalla tendenza a distrarsi facilmente.

Altri sintomi sono:

  • Incapacità di controllare gli impulsi.
  • Difficoltà a svolgere attività per un tempo prolungato.
  • Loquacità eccessiva (spesso manifestata interrompendo bruscamente i discorsi altrui).
  • Disinteresse nel partecipare ad attività collettive.
  • Eccessiva attività fisica, in parole povere il soggetto non riesce a stare fermo, muove le gambe, cambia posizione, lancia oggetti.
  • Difficoltà a seguire le regole.
  • Impulsività, che può sfociare in comportamenti aggressivi, il tutto accompagnato però da un carattere introverso e sensibile.
  • Insonnia, sonno disturbato e irregolare.
  • Difficoltà nell’apprendimento, a fronte di un quoziente intellettivo tutt’altro che basso.

È chiaro, quindi, che l’iperattività può essere un bel problema, soprattutto dal punto di vista sociale. Un bambino che ne soffre è percepito dai suoi coetanei come “diverso” da loro, addirittura come “pericoloso”, e, di conseguenza, viene escluso dal gruppo.

 

Cosa c’entrano i coloranti?

Per rispondere a questa domanda potremmo partire dai vari studi condotti a partire dagli anni 70 sugli effetti negativi causati dal consumo di alimenti contenenti additivi. Oppure parlare più specificatamente dello studio compiuto dall’Agenzia Britannica per la vigilanza sui cibi, che nel 2004 ha stabilito chiaramente il legame che intercorre tra alcuni dei coloranti più diffusi e disturbi come iperattività e deficit dell’attenzione.

Tuttavia, per rendere meglio l’idea, pensiamo sia più utile dirvi che l’Unione Europea, nel 2010, ha stilato una lista dei coloranti artificiali potenzialmente dannosi per la salute dei bambini. Eccoli:

  • Tartrazina (E102), già vietato in Svizzera è contenuto in frappè, macedonie e sorbetti.
  • Giallo di Chinolina (E104), utilizzato anche per produrre insetticidi, è vietato in Australia e si trova in alcune torte di compleanno.
  • Giallo Arancio S (E110), contenuto nelle torte.
  • Rosso Allura AC (E129), anche questo si può trovare nelle torte.
  • Azorubina (Carmoisina) (E122), contenuto in frappè, macedonie e sorbetti.
  • Rosso Cocciniglia (E124), si ottiene attraverso l’essicazione di un insetto, si trova sempre in frappè, macedonie e sorbetti.

Secondo la normativa adesso in vigore, tutte le derrate alimentari contenenti queste sostanze dovrebbero recare la scritta «può influire negativamente sull’attività e l’attenzione dei bambini». Purtroppo però l’uso del condizionale “dovrebbero” sta ad indicare che l’apposizione di questa dicitura non è obbligatoria: infatti, la scelta spetta ai singoli stati.

 

La soluzione: Metodo 3 EMME

Preso atto del fatto che tutte le sostanze elencate in precedenza hanno effetti negativi per il nostro organismo, resta un solo problema: come bisogna fare per evitare di assumerle?

È qui che entra in scena il Metodo 3 EMME. Il nostro programma di alimentazione, infatti, è Nutraceutico, mette cioè al primo posta la salute e il benessere della persona, da perseguire garantendo l’apporto di tutte le sostanze nutritive indispensabili.

Il primo passo del percorso 3 EMME consiste nel disintossicare l’organismo, ripulendolo dalle tossine. Per far ciò, è fondamentale l’assunzione di frutta e verdura, in quanto si tratta di alimenti che influiscono positivamente sull’Indice di Massa Corporea (che è l’indicatore più importante, perché ci dice quanto siamo distanti dl nostro peso-forma).

Ecco spiegato perché, nel percorso alimentare di 3 EMME, frutta e verdura sono considerati i cibi più importanti. Infatti i nostri esperti consigliano di assumerle 5 volte al giorno!

Vi ricordiamo che se avete delle domande da farci, o vi servono dei chiarimenti su questo o altri argomenti, noi di 3 EMME siamo sempre a vostra disposizione. Contattateci!

Scopriamo Temi, Argomenti e Relatori del Simposio di Metodo 3 Emme

Simposio di Metodo 3 Emme: i temi dell’Evento

Il 29 marzo 2015, nella moderna cornice del Centro Congressi di Riccione, si terrà il Simposio di Metodo 3 Emme: l’evento con cui festeggiamo i nostri primi 5 anni di attività. Oggi, vogliamo svelarvi in anteprima i temi dell’incontro e i relatori che accompagneranno la giornata.

Scopriamo Temi, Argomenti e Relatori del Simposio di Metodo 3 Emme

Massimiliano Ossini e Alessandra del Castello: dalla Rai al Simposio di Metodo 3 Emme

L’evento sarà presentato da due protagonisti d’eccezione: Massimiliano Ossini e Alessandra del Castello, conduttori della trasmissione televisiva Linea Bianca in onda tutti i sabati alle 14.30 su Rai 1. Per l’occasione, i due presentatori accompagneranno i presenti in un viaggio alla scoperta del percorso di Metodo 3 Emme e dei risultati conseguiti fino ad oggi.Massimiliano Ossini e Alessandra del Castello: presentatori del Simposio di Metodo 3 Emme

Massimiliano Ossini e Alessandra del Castello: conosciamoli meglio!

Massimiliano Ossini è un famoso conduttore televisivo, da anni sulle scene alla guida di trasmissioni importanti come Linea Verde e Cose dell’altro Geo. Sensibile e attento alle tematiche del benessere e dell’alimentazione, è stato spesso nostro ospite.

Abbiamo scelto Massimiliano come presentatore del Simposio di Metodo 3 Emme perché rispecchia i nostri valori, condividendo l’opera di sensibilizzazione alle tematiche legate alla salute delle persone.

Alessandra del Castello è una giovane di origini abruzzesi, famosa per essersi candidata settimana a Miss Italia nel 2012. Maestra di sci, oggi accompagna Massimiliano Ossini nella conduzione di Linea Bianca. Una figura positiva, perché fa del benessere un valore positivo e uno stile di vita da seguire.

 

Simposio di Metodo 3 Emme: di cosa parleremo

I temi principali che affronteremo durante l’evento riguarderanno, ovviamente, la salute, l’alimentazione e il benessere. Un momento importante, inoltre, sarà dedicato alla presentazione dei risultati raccolti dal 2010 attraverso la nostra attività.

Questo ci permetterà di condividere con i nostri collaboratori presenti al Centro Congressi di Riccione e con voi – che potrete seguirci in diretta sui nostri canali social – le fatiche e i successi derivati dall’impegno che abbiamo messo in campo.

Metodo 3 Emme: l’Alimentazione per ritrovare il Benessere

Questo il messaggio principale da veicolare. Sì, perché Metodo 3 Emme non è solo un programma di dimagrimento ma un vero e proprio percorso per tornare in salute imparando uno stile di vita genuino.

Questi i titoli degli interventi principali:

E, poi, le testimonianze dei nostri collaboratori e i risultati conseguiti. Il tutto raccontato dalla voce di esperti del settore medico-scientifico e da chi porta il Metodo 3 Emme sul campo.

Simposio di Metodo 3 Emme: i relatori

Sono molti i professionisti che prenderanno parte all’evento del 29 marzo a Riccione. Medici, Professori universitari, erboristi e collaboratori di Metodo 3 Emme.

Tra loro non mancherà Mauro Mario Mariani, fondatore del Metodo, che ci terrà compagnia con un intervento dedicato all’importanza della dieta mediterranea. Insieme a lui, saliranno sul palco famosi esperti del settore: la Professoressa Rosita Gabbianelli (docente presso l’Università degli Studi di Camerino), Antonello Paparella (professore di microbiologia alimentare all’Università di Teramo) e Sauro Vittori (professore di Food and Drug Analysis all’Università di Camerino).

 

Simposio di Metodo 3 Emme: un Evento imperdibile

Se anche tu hai seguito Metodo 3 Emme, ti preoccupi della tua salute e fai attenzione a ciò che mangi, l’Evento è l’occasione giusta per aggiornarti sulle ultime ricerche del settore. Anche se non potrai essere presente a Riccione – perché l’accesso è riservato ai collaboratori – potrai seguire il Simposio di Metodo 3 Emme in diretta live sulla nostra Pagina Facebook Ufficiale.

Lì pubblicheremo aggiornamenti in tempo reale che, poi, raccoglieremo in articoli dedicati che troveranno spazio sul nostro blog.

 

Cosa aspetti? È tempo di prenderti cura di te: seguici!

Metodo 3 Emme in pillole

Metodo3M_pillole

Riordina il tuo disordine. Con noi è semplice raggiungere un corretto stile di vita, in più saprai sempre cosa e come mangiare per mantenerlo nel tempo, in modo semplice e veloce.

Oggi vediamo alcune indicazioni pratiche che il Metodo 3 Emme ci consiglia di apprendere per ritrovare e mantenere una buona forma psico-fisica.

 

Salute e benessere iniziano a tavola

Una dieta sana e corretta, rappresenta la premessa per uno stile di vita equilibrato e attivo. È essenziale sottolineare che il benessere non è fatto di rinunce, ma si basa su piccoli accorgimenti da seguire quotidianamente. Vediamone qualcuno.

  1. Fare pasti completi variando spesso gli alimenti presenti a tavola: in questo modo si eviterà di pasticciare tra i pasti.
  2. Fare sempre un’abbondante prima colazione perché, dopo una notte di sonno, il nostro organismo ha bisogno di energia per affrontare la giornata.
  3. A pranzo mangiare di tutto e tenere sempre d’occhio la quantità. Sulla tavola non dovranno mai mancare frutta e verdura. In più, è fondamentale mangiare lentamente, senza stress o distrazioni.
  4. Fare una cena equilibrata e leggera. Di notte il corpo riposa ed esige solo l’energia necessaria a mantenere in funzione gli organi. Questo significa che gli eccessi alimentari serali rischiano di essere immagazzinati sotto forma di grasso. Inoltre sarebbe bene evitare piatti pesanti e molto conditi per facilitare la digestione.
  5. Concedersi spuntini per i buchi allo stomaco di metà mattina o del pomeriggio con yogurt o frutta. In più, bere tanta acqua durante la giornata per idratarsi nel modo corretto.
  6. Praticare esercizio fisico regolarmente. Un esercito fisico costante, anche se moderato, è in grado di migliorare la risposta immunitaria e porta benefici sia al corpo che alla mente.

 

Metodo 3 Emme come stile di vita

Vi presentiamo un elenco di suggerimenti che gli esperti del Metodo hanno studiato per una corretta alimentazione.

  • Bere almeno 1.5 lt di acqua oligominerale al giorno.
  • Dalla settima settimana, se gradite i formaggi, preferire quelli di capra (una volta a settimana). Quelli stagionati come parmigiano e pecorino possono essere utilizzati come condimento del primo piatto. Possibile mangiare la ricotta di siero. Lo yogurt è ammesso allo spuntino due volte alla settimana, deve essere bianco e senza nessun ingrediente aggiunto.
  • Evitare il più possibile latticini freschi di latte vaccino.
  • Assumere frutta a colazione e almeno 1-2 spuntini tra colazione e pranzo e tra pranzo e cena. Evitare di assumere frutta ai pasti, se non piccoli pezzi nell’insalata cruda a inizio pasto.
  • Preferire il prosciutto crudo magro senza additivi aggiunti. Evitare gli insaccati o preferibilmente mangiare (1 sola volta a settimana e nel periodo invernale) solo quelli fatti con Maiale Sale e Pepe. Quelli industriali contengono sostanze potenzialmente cancerogene.
  • Evitare le carni rosse perché grasse e innescano processi di acidosi.
  • Scegliere le uova codice 0.
  • Preferire pesci magri e di piccola taglia, evitare crostacei e/o pesci grossi e grassi.
  • Integrare con frutta secca e varia, noci, pistacchi e nocciole, in piccole quantità, suddivise in uno o più spuntini al giorno.
  • Preferire il fruttosio o il miele al posto dello zucchero bianco.
  • Abolire i dolcificanti chimici.
  • Preferire il sale marino integrale a quello dell’Himalya.
  • Preferire aceto di mele.
  • Preferire l’olio di oliva etra vergine spremuto a freddo e biologico.
  • Abolire bevande gassate.
  • Abolire gli alcolici (consigliato solo un po’ di vino di buona qualità, ma solo ¼ a pasto).
  • Sì alle spezie (peperoncino, curry, pepe, ecc).
  • Abolire tutti gli aromatizzanti chimici.
  • Via libera ad aglio, cipolla, rosmarino, prezzemolo, salvia, alloro, timo, coriandolo, finocchio, cumino, zenzero, ecc.

 

Non mangiamo solo per “riempirci la bocca”: quantità e qualità prima di tutto

Il cibo, se scelto e combinato nel modo giusto, ci sostiene, ci riequilibra, ci depura. Cominciamo dunque a scegliere quegli alimenti che, oltre ad avere un adeguato contenuto nutrizionale, sono riconosciuti come benefici per l’organismo e portano a un miglioramento dello stato di salute. Al contrario, eliminiamo quei cibi il cui contenuto calorico è molto alto e che spesso vengono inutilmente arricchiti di grassi, zuccheri e sale.

Un’alimentazione a base di alimenti possibilmente biologici, equilibrata, sufficientemente varia, assicura al nostro organismo ciò di cui ha bisogno. Bisogna mettersi a tavola con il piacere di farlo perché questo è l’atto di perseveranza e coerenza verso il nostro obiettivo da raggiungere.

 

Per qualsiasi dubbio non esitate a contattarci, i nostri esperti nutrizionisti sono a vostra disposizione!

Metodo 3 Emme: una rassegna stampa dal web

Metodo3M_RassegnaStampaDalWeb

Non ci stufiamo mai di ribadire che il Metodo 3 Emme non è una dieta, ma un modo per migliorare il nostro stile di vita. Scopriamo insieme quali sono i vantaggiosi benefici che possiamo ottenere se iniziamo a migliorare scelte e abitudini alimentari.

 

Stile di vita ottimale e benessere psico-fisico

Con il Metodo 3 Emme ci proponiamo di ottenere un’azione di profonda disintossicazione, in modo da permettere all’intero organismo di riordinare e ripristinare tutti i suoi meccanismi energetici sottoposti ai vari stress della vita quotidiana. Riusciremo così a realizzare una vera prevenzione della “sindrome metabolica” e dei danni del sovrappeso.

Il percorso serve a creare le basi per raggiungere uno stile di vita ideale, basato sul ritorno della dieta Mediterranea che porterà a una diminuzione del peso corporeo nelle persone in sovrappeso e obese, oltre che il raggiungimento di un equilibrio psico-fisico anche nelle persone normopeso.

Il metodo è la naturale evoluzione di un percorso con molti anni di applicazione medica, opportunamente semplificato, ma non per questo meno efficace.

Il Metodo 3 Emme è proposto con la massima tranquillità e sicurezza.

Il risultato sarà: benessere, tono psico-fisico e peso ideale.

 

Ritroviamo il peso forma in modo salutare e diciamo basta alle diete sbilanciate

Il cibo cura, riequilibra, sostiene, rafforza e depura, se scelto e combinato nel modo giusto.

Il metodo 3 Emme mira a ripristinare l’organismo e a minimizzare le funzioni metaboliche per riprodurre una corretta funzione gastro-intestinale. In questo modo dovremmo perdere il grasso e non la parte magra del nostro corpo, cioè la componente muscolare.

Nelle diete disintossicanti, liquide o a base di frutta, se protratte nel tempo per una settimana o più, oltre ai primi tre processi di disintossicazione, depurazione e drenaggio, si assiste a un’importante perdita di peso. Il rischio di queste diete ipocaloriche e sbilanciate, a causa della mancanza di un adeguato apporto proteico, è di un calo sia della massa grassa, ma anche di quella magra. L’obiettivo del Metodo 3 Emme è invece quello di diminuire solo la quantità di grasso presente nel corpo.

Il dimagrimento è la premessa-promessa mantenuta del Metodo 3 Emme: Mantenimento Massa Magra. Perdere il grasso in eccesso, consolidando e tonificando la massa muscolare.

Per facilitare ed equilibrare al meglio questo processo, dove necessario, il Metodo 3 Emme prevede l’utilizzo di integratori alimentari di aminoacidi altamente assimilabili, che consentono di mantenere nell’immediato la massa magra esistente e per favorirne l’aumento nel tempo. L’organismo aumenta in modo armonico tutte le sostanze ad esso indispensabili durante un programma disintossicante.

 

Un aiuto in più: gli integratori alimentari del Metodo 3 Emme

Nuova Superfoof è il super alimento che sazia e aiuta a dimagrire col sorriso e tonifica la mente. È un integratore alimentare innovativo a base di estratti vegetali, contenente polvere di Alga Klamath, estratto di Baobab, estratto concentrato di Patata tuber. Se assunto alle dosi stabilite a partire dalla prima settimana, in base al sesso e alla massa corporea del soggetto, ci consente di mantenere la componente muscolare, apportando le proteine d cui necessita l’organismo per un corretto funzionamento.

Vediamo ora un elenco di tutti gli integratori alimentari naturali che il Metodo 3 Emme propone per un’alimentazione bilanciata.

  • Super basic: può agire favorevolmente per il mantenimento del fisiologico equilibrio acido.
  • Effetto drena: può agire favorevolmente sulle funzioni fisiologiche degli organi destinati al drenaggio.
  • Oxyvita: contribuisce alle funzioni del metabolismo energetico per favorire la riduzione di stanchezza e affaticamento.
  • Sos emotional: estratto ottenutoda diverse tipologie di fiori selezionati come strumento di sostegno emozionale per raggiungere con più serenità lo stile di vita ideale.
  • Blixir bevanda: serve ad agire favorevolmentesulle funzioni fisiologichedel fegato.
  • Lipid Complex: serve a mantenere l’elasticità dei vasi sanguigni.
  • L-glutatione: agisce favorevolmente come ossidante.
  • Shitake+reishi: agisce sulle naturali difese dell’organismo.

In abbinamento si consiglia:

  • Sinterol fiale: può contribuire al controllo del mantenimento del peso.
  • Immunergie: può agire favorevolmentesul livellodelle difese immunitarie.
  • Integral-B: può essere d’aiuto negli stati di carenza o di aumentato fabbisogno.
  • Tresor de vie: può agire favorevolmente come complesso anti-age.

 

“Riordina il tuo disordine. Con noi è semplice trovare un equilibrio psico-fisico che duri nel tempo, in modo semplice e veloce.”

Questo è il traguardo che il Metodo 3 Emme mira a farvi raggiungere.