3EMME, la Dieta di Pollicino

Il Metodo 3EMME nasce dall’esperienza ventennale del Dott.Mauro Mario Mariani di sbloccare a livello metabolico l’organismo, riproponendo nuove abitudini salutari e ha come caposaldo l’assunzione di frutta e verdura. Mangiare la frutta lontano dai pasti, poca, spesso e volentieri, locale, fresca e stagionale. Evitare di assumere frutta durante i pasti, se non piccoli pezzi nell’insalata cruda ad inizio pasto. Integrare con frutta secca varia, noci, pistacchi e nocciole, in piccole quantità, suddivise in uno o due spuntini al giorno.

Uno studio che conferma l’efficacia di questa scelta è quello svolto dall’UCL University College of London* che ha seguito un campione di 65.000 persone per dodici anni con il risultato che il rischio di morte generale si riduceva del 42% per chi assumeva sette volte al giorno frutta e verdura. Un dato importante e nuovo emerso dallo studio è che le Verdure, soprattutto fresche, hanno un effetto protettivo più forte, superiore alla frutta. Lo studio condotto dallo staff guidato dal dottor Oyinlola Oyebode del Dipartimento di Epidemiologia e Salute pubblica UCL ha evidenziato come, chi assume da due a tre porzioni al giorno di verdura, determina un rischio del 19% più basso di morire fra quelli studiati, rispetto al 10% per la quantità equivalente di frutta. La ricerca afferma quanto segue: “Sappiamo tutti che mangiare frutta e verdura è sano, ma la dimensione dell’effetto è clamoroso. Il messaggio è chiaro: più frutta e verdura si mangia, meno probabile è il rischio di morire a qualsiasi età”. L’osservazione è che mangiare “poco” (50-60 g) e “spesso” (ogni due ore un frutto) la frutta lontano dai pasti consente di non assumere mai grandi quantità di zuccheri e di non arrivare mai affamati quando ci si siede per mangiare.

Inoltre avere tante verdure a tavola consente, grazie all’apporto di fibre, di saziare l’organismo con prodotti salutari ricchi di preziosi antiossidanti, piuttosto che con altri ricchi di grassi saturi e zuccheri complessi e raffinati. Questo studio inglese non fa altro che confermare che la Dieta Mediterranea, caratterizzata da un modello nutrizionale basato sul consumo di frutta fresca e secca, olio extravergine di oliva, cereali integrali, verdure, legumi e una moderata quantità di pesce e carni bianche e un bicchiere di vino, è un vero e proprio “stile di vita”: Mangia Meglio Mediterraneo.

POLLICINO 3M